San Vigilio Dolomites, aperto per primavera

Aperto per primavera. San Vigilio- Dolomites smentisce la consuetudine che vuole che con l’arrivo della bella stagione molte strutture, alloggi e servizi delle Alpi, siano chiusi per riposo dopo
la fine della stagione invernale sugli sci e l’inizio dell’estate.

In montagna la primavera è sinonimo di rinascita della natura con spettacolari fioriture a disposizione dei visitatori. San Vigilio – Dolomites ha adottato una filosofia che allunga la stagione estiva, aprendo le attività turistiche già da maggio. E soprattutto in una zona speciale
e privilegiata, tra due parchi naturali, dove l’attenzione per l’ambiente, il rispetto per la natura e la gestione ecologica hanno permesso a “San Vigilio – Dolomites” di conseguire per primo, in Alto Adige, la certificazione internazionale per il turismo sostenibile GSTC (terza in Italia dopo la Val Sugana e il Tarvisiano).

L’invito è allettante: dal 18 maggio al 23 giugno, quando le altre località alpine non sono ancora “aperte”, San Vigilio propone, a chi alloggia in una delle numerose strutture convenzionate, lo “Spring Special”, un pacchetto di tante attrazioni gratuite o scontate e dedicate a chi sceglie di godere la bellezza delle Dolomiti nel cosiddetto “fuori stagione”.

Un territorio unico, immerso in un contesto talmente bello che comprende due Parchi Naturali (i celebri Parco Fanes – Senes -Braies e il Parco del Puez-Odle) che offre tante occasioni di intrattenimento. Proprio per questo la Cooperativa Turistica San Vigilio / San Martin Dolomites
ha creato pacchetti e iniziative per le settimane primaverili, che consentono non solo di praticare numerosi sport ma anche di scoprire questi luoghi meravigliosi quando sono ancora immersi nel silenzio e nella tranquillità off season.

Diverse e avvincenti le proposte gratuite dello Spring Special. ”Owl Park San Vigilio” che ospita più di 80 rapaci di 30 specie diverse, tra gufi, civette ed allocchi. La guida Mario Kelemina spiega le diverse caratteristiche di ogni specie: dove vivono, di cosa si nutrono, le abitudini sociali e come la loro presenza costituisca un anello importante nella catena alimentare.
Una volta diventati “esperti”, si può noleggiare gratuitamente il binocolo Swarovski Optik e osservare i volatili in libertà: solo nel Parco naturale Fanes-Senes-Braies vivono in libertà più di 10 specie diverse di uccelli rapaci.

Un’altra attività da fare è l’osservazione della volta celeste una serata, il giovedì. Accompagnati dalle guide Julian Rigo e Enrico Bonfante si raggiunge un luogo circondato dall’oscurità più totale, ormai raro da trovare. In assenza di luci artificiali, stupisce per la ricchezza di stelle che punteggiano la notte. L’universo si apre e si lascia guardare: Julian, appassionato di astronomia, svela il nome delle costellazioni e dei pianeti che magicamente appaiono accanto alle maestose cime dolomitiche.

Ancora esperienze nella primavera montana a San Vigilio. Yoga per gli appassionati ma anche i principianti, una lezione di yoga in un ambiente originale: un’autentica yurta mongola che crea un’atmosfera calma e rilassata.

Oppure provare un’escursione con una guida Fare è un’esperienza che arricchisce molto: al di là di essere accompagnati da una persona che conosce il sentiero, la camminata diventa un’opportunità per conoscere la geologia (le Dolomiti sono paragonabili ad un’enciclopedia completa), la fauna e la flora del territorio. Ogni martedì, Christoph Alfreider conduce un piccolo gruppo di escursionisti ai Prati di Medalges, nel Parco Naturale Puez – Odle, parte del Patrimonio UNESCO delle Dolomiti.

I fiori iniziano a sbocciare e i prati si punteggiano di tutti i colori: osservare la rinascita della natura, che fino a poche settimane dormiva prima coperta dalla neve, è come assistere ad uno spettacolo circondato da uno scenario di prim’ordine con le maestose cime del gruppo montuoso del Puez. Il mercoledì è in programma un’escursione un po’ più impegnativa che porta al Sas dla Para,
sopra il rifugio Fodara Vedla da dove il panorama abbraccia anche la conca di Cortina d’Ampezzo.

Tra gli appuntamenti dello “Spring Special” non può mancare la protagonista che negli ultimi anni sta spopolando anche in montagna: la bici. Guidati dai maestri della Bike School, si pedala su strade poco frequentate, dove gli affascinanti masi ladini storici nei dintorni di San Vigilio si svelano tra pascoli e ruscelli. Per chi preferisce l’asfalto, può scegliere tra le escursioni in bici da corsa che percorrono i più scenografici passi alpini. Organizzazione e bike guide sono gratuiti, il noleggio prevede uno sconto di 20 euro.

Al centro di arrampicata di Brunico, poi, sempre gratuita con lo Spring Special, la parete di boulder sfida i principianti e gli avanzati.

Sono gratuiti anche tutti i mezzi di trasporto altoatesini, treni regionali compresi. La Holidaypass Card permette di muoversi per tutto il territorio della provincia di Bolzano: si può raggiungere dunque anche il Museum Ladin Ursus Ladinicus di San Cassiano (il cui ingresso è compreso nel pacchetto “Spring Special”). Altro museo con ingresso gratuito è il Museum Ladin Ciastel de Tor di San Martino in Badia, che custodisce le tradizioni artigiane, i manufatti,
la storia, la tradizione e la lingua ladina (tutt’ora parlata da circa 40 mila persone).

Tante le attività adrenaliniche a prezzi convenzionati che fanno letteralmente battere il cuore.
Tra queste la Zip line sospesa a 100 metri d’altezza, dove si “corre” sospesi ad un filo fino
a raggiungere gli 80 km all’ora è la più lunga d’Europa. La sensazione è forte: la velocità e l’essere sospesi a parecchi metri da terra sono un connubio che emoziona.

Chi vuole una maggiore di libertà di movimento e vuole provare a volare “libero” con il
parapendio, può salire in cima al Plan de Corones e lasciarsi trasportare dall’aria fino a salire
ancora più in alto del punto di partenza. Non è la velocità a fare battere il cuore, ma la sensazione di avere letteralmente le ali.

Infine, il rafting sul fiume sull’acqua quella pulitissima e fresca che sgorga dalle cime delle Dolomiti. Un’altra esperienza per i temerari che hanno l’occasione di guardare la natura da un altro punto di vista (lo sconto per queste attività varia dai 10 ai 20 euro).

Valori aggiunti a queste esperienze di primavera sono l’ospitalità, la cucina, l’atmosfera,
l’accoglienza, il dolce suono della lingua ladina e la bellezze della natura alpina nel
territorio che si estende tra i paesi di San Vigilio di Marebbe e di San Martino in Badia.

Info:
www.springspecial.it

Cooperativa Turistica San Vigilio/San Martin – Dolomites
Via Plan de Corones 38/1
I-39030 San Vigilio di Marebbe (BZ)
www.sanvigilio.com
Tel. +39 0474 501037
info@sanvigilio.com

Foto Cooperativa Turistica San Vigilio/San Martin – Dolomites, concesse dall’ufficio stampa della destinazione

Articoli correlati;
https://www.latitudinex.com/italia/marmolada-sulla-regina-delle-dolomiti-in-funivia.html
https://www.latitudinex.com/rubriche/curiosita/krampus-tradizione-tra-i-borghi-dellalto-adige.html
https://www.latitudinex.com/italia/renon-laltipiano-delle-meraviglie-naturali.html
https://www.latitudinex.com/italia/lago-di-braies-mondo-incantato-tra-natura-e-leggende.html

0 Condivisioni

Lascia un messaggio