Favignana, l’isola delle due anime nelle Egadi della Sicilia

A Favignana, la maggiore delle isole Egadi, si arriva facilmente dalla Sicilia isola madre, partendo da Trapani, con l’aliscafo o il traghetto, o da Levanzo e Marettimo. 

Il paese è un piccolo mondo fuori dal tempo, dai ritmi rilassati, raccolto e amabilmente spartano e informale. L’ambiente naturale è di un incanto particolare. Potrei citarvi la bellezza di Cala Rotonda o la trasparenza del mare a Cala Azzurra; la meravigliosa vista su Favignana e sulle altre Egadi che si gode dalle rovine del castello in cima al Monte Santa Caterina.

Ma è difficile, tuttavia lo farò, indicare un luogo o l’altro, perché di Favignana si ama più di ogni altra cosa girovagare senza meta, scoprire ogni scoglio, ogni scorcio; girare e rigirare lungo la strada principale che costeggia l’isola e la divide, psicologicamente, in due realtà ancora più piccole: la parte prima del tunnel e la parte dopo il tunnel che attraversa il Monte Santa Caterina e collega la Piana al Bosco. Queste sono le due pianure (rispettivamente ad est e ad ovest del monte) che formano le “ali” di Favignana.

Si dice, infatti, che la forma dell’isola ricordi quella di una farfalla con le ali spiegate. 
Favignana ha due anime: quella della roccia e quella del mare.
Entrambe legano a doppio filo la bellezza dell’isola e il duro lavoro degli isolani.

La roccia è stata per molti secoli la base dell’economia di Favignana. Si estraeva la Calcarenite (più conosciuta con l’improprio nome di “tufo”) dalle numerose cave disseminate sull’isola. I cavatori scavavano vere e proprie gallerie e caverne sotterranee, sostenute da pilastri di “tufo”, che, intaccati, consentivano di arrampicarsi per procedere verso l’alto, con un lavoro durissimo ed estenuante. Oggi queste cave, dismesse, sono in parte visitabili; appaiono come cunicoli lunghi anche centinaia di metri, che diventano subito stretti e bui e scoraggiano un ulteriore addentrarsi. 

Allora pare di rivedere quegli uomini che faticavano al buio, sotto la terra, arrampicati sulla roccia, e si capisce che l’anima dell’isola non può che essere anche la loro. Eppure questa amara considerazione non pregiudica la bellezza dei luoghi, bensì le dà un valore aggiunto.

Una delle più belle cave si trova al Bue Marino. Questa è una cala rocciosa con un mare strepitoso, color verde smeraldo, interrotto da zone di azzurro intenso. 
Qui non c’è spiaggia, per fare in bagno occorre tuffarsi in acqua, difatti è uno dei punti più apprezzati dagli amanti dello snorkeling, anche per la generosa presenza di pesci e stelle marine. Ma l’aspetto più affascinante del Bue Marino è, come accennavo, la presenza di spettacolari e ampie grotte di calcarenite, direttamente sul livello del mare.

Queste presentano interessanti stratificazioni esterne e sono la cornice di un territorio comunque geologicamente molto interessante, in cui è facile constatare la presenza di conchiglie fossili molto ben conservate nella roccia, seppure si trovino proprio in una delle zone più frequentate dal turismo.

Un’altra imperdibile spiaggia, questa mista di roccia e sabbia, è Cala Rossa (pare che si chiami così in seguito al sangue versato nella battaglia tra romani e cartaginesi durante la prima Guerra Punica). E’ uno spettacolo di colonne di “tufo” a strapiombo su un mare turchese. Anche qui le grotte sono piuttosto ampie, lunghe, divise in veri e propri cunicoli, e contribuiscono alla bellezza e alla particolarità di questa spiaggia, unica al mondo.

La luce che filtra dalle pareti di roccia, all’interno delle grotte, attribuisce un’aria mistica al luogo, e induce un profondo rispetto per i tanti che vi hanno lavorato. Se si chiudono gli occhi, sembra ancora di sentire il rumore degli strumenti artigianali, che scavano la roccia, e le voci di tutti quegli uomini dimenticati.

Invece le cave all’aperto, oggi sono state trasformate in orti e giardini, chiamati Giardini Ipogei, dove coltivare la terra sfruttando la luce del sole, ma anche le mura delle cave che proteggono dal vento. E non è raro vedere crescervi fichi, mandorli, peri e aranci.

Ma Favignana non è solo questo: dicevamo che ha anche un’anima prettamente legata al mare. Oltre alla bellezza delle sue coste, non possiamo dimenticare, infatti, la vita che girava intorno alla Tonnara Florio, una delle più grandi del Mediterraneo, oggi non più in uso ma visitabile a pagamento. Qui venivano trattati e conservati i grandi tonni rossi catturati durante la tradizionale, ma cruenta, tecnica di pesca della mattanza, comandata dal Rais, in auge fino al 2007. 

Oggi tutto questo non c’è più, ma ciò non toglie che gli isolani si sentano ancora legati alla tradizione della pesca del tonno. Molte famiglie, di generazione in generazione, hanno lavorato duramente nella tonnara, e sono ancora vivi i ricordi di chi ci ha lavorato personalmente o di chi ha un parente prossimo che l’ha fatto. I loro racconti fanno ormai parte della collettività, della cultura e della storia dell’isola.

E i prodotti ittici tipici sono ancora essenzialmente quelli derivati dalla lavorazione del tonno. Gustosissima la bottarga, le uova della femmina di tonno, con cui si condiscono spaghetti dal sapore deciso.

Quanto a specialità culinarie dell’isola, sicuramente da segnalare è anche il cous cous che viene cucinato dai moltissimi ristoranti isolani, in tutte le sue varietà, soprattutto quello più tradizionale con il pesce.
Una volta a pancia piena, dedicatevi all’escursione dell’isola, visitando le calette più rinomate, ma non facendovi mancare l’emozione della scoperta dei luoghi, magari meno famosi, ma altrettanto affascinanti.

Rilassatevi accordando i vostri ritmi alla lentezza tipica isolana. E ricordatevi che qui, se il mare è mosso da una parte, sicuramente dall’altra parte dell’isola sarà possibile fare il bagno. C’è chi, la mattina, studiando il vento decide da che parte di Favignana recarsi a trascorrere la giornata. Questo spirito di adattamento, un po’ vagabondo, è la migliore predisposizione d’animo per vivere pienamente la libertà dell’estate isolana.

Favignana è sogno e poesia. 
Provate anche un suggestivo giro notturno dell’isola in macchina: parrà che cielo e terra si tocchino, l’unica luce sarà quella della luna e gli odori della campagna, attraverso i finestrini aperti, giungeranno ai vostri sensi. E vi parrà di non essere soli, che dalla terra e dal mare salgano ombre a tenervi compagnia, e che l’isola sia viva, pregna di storia, e respiri insieme a voi.

Info: www.visitsicily.info

Foto di Paola Tornambè

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/italia/monte-catalfano-vita-allaria-aperta-in-sicilia.html
https://www.latitudinex.com/italia/palazzolo-archeologia-sicilia.html

34 Condivisioni

Lascia un messaggio