Lago di San Domenico, spiritualità e autunno in Abruzzo

lago di San Domenico Abruzzo

cof

Nell’Abruzzo meridionale e già montano, non lontano dal confine con il Lazio, in provincia dell’Aquila e sotto il comune di Villalago, trova dimora lo splendido lago di San Domenico.

Si tratta in realtà di un lago artificiale, creato intorno agli anni ’20 per esigenze umane, ma che si incastona in maniera così perfettamente naturale nel contesto paesaggistico, da essere considerato come autentico gioiello, meritevole meta di escursioni e pellegrinaggi. 

La strada per arrivarvi è la suggestiva anticipatrice dell’incanto del luogo: costeggia le Gole del Sagittario, incuneandosi tra le curve delle acque e delle pareti montane. Sorprende. Rinfresca la mente. Prepara già gli occhi al paradiso. Quando si apre la visuale sul lago, infatti, siamo stati già condotti sulla via della bellezza. Già abbiamo, da qualche chilometro, lasciato l’asfalto urbano, disordinato e caotico, per immergerci nella guida veritiera della natura. 

E nonostante questo, nonostante siamo già mentalmente immersi in un mondo a sé stante, vedere il lago di San Domenico è un sussulto di emozione tangibile. Le acque verdissime, la spiaggetta bianca, le montagne boscose e selvagge intorno, gli alberi che lo incorniciano, ci lasciano di stucco proprio perché sono di una tale perfetta bellezza – non riusciamo proprio ad immaginare un elemento mancante – da sembrarci impossibile esista sul serio questo luogo. E’ la perfezione assoluta ad incantarci. E che sia così, paradossalmente, a portata di mano, lungo la strada che, continuata, porterebbe senza intralci al più famoso lago di Scanno. 

E’ l’incanto che ci si offre davanti spontaneamente, a sorprenderci. Che una tale meraviglia non sia da cercare tra le montagne, dopo un trekking sfiancante, ma si apra a noi semplicemente. Forse, sentiamo di non meritarlo il paradiso. Che debba essere più sofferto o forse solo più ostentato, per crederlo reale.

Perché il lago di San Domenico, in fondo, nonostante la assoluta bellezza, non è poi così segnalato a livello turistico né – fortunatamente – sfruttato. Resta un luogo integro, intimo, delicato. Un tesoro che, paradossalmente, è sotto gli occhi di tutti, ma resta silenziosamente in disparte, in punta di piedi. Al margine di questa strada che, silenziosa anch’essa, scivola via tra le Gole del Sagittario e il lago di Scanno.

Nel mezzo, questo lago che vede chi vuol vederlo, che urla in silenzio per chi sa sentirlo. Che si regala a tutti, e si rivela, forse, a pochi. 

Occorre inventarselo un po’, il parcheggio. I posti ricavati da qualche slargo della strada sono pochi. Occorre volercisi fermare, sulle sponde di questo lago. Nessun parcheggio costruito appositamente, nessuna segnaletica invadente, dirigerà le vostre azioni. Sarete voi a sapere che vorrete visitare esattamente questo luogo. A decidere, coscientemente, di fermarmi qui. A riconoscere il tesoro che si para proprio davanti a voi, incustodito. E forse proprio questo non è semplice: saper godere la meraviglia di ciò a cui si ha libero accesso.

Un nuovo ponte pedonale, costruito sopra i resti di quello preesistente, vi porterà (emozionati) nel cuore del lago di San Domenico. Questo ponte è tramite e punto di contratto tra lo scorrere della vita preesistente e il tempo a sé stante di questo luogo, anima della natura e anima della spiritualità. Sulle sponde del lago, infatti, sorge (e sorgeva molto prima del lago stesso) il suggestivo eremo di San Domenico, detto anche Prato Cardoso, dove il Santo dimorò intorno all’anno mille, vivendo in isolamento per almeno sei anni. 

Superato il ponte, uno slargo si apre sul lago; quasi  una piazzetta con affaccio sullo splendido panorama circostante. Incontaminato, fatto di acqua e di alberi accesi d’autunno. 

Una croce, solenne, è eretta a protezione della natura. O forse è la natura stessa a legittimare la presenza di questa croce qui. Non ha importanza. E’ la spiritualità del luogo a non essere in discussione. 

Si respira spirito. Che sia quello della natura o quello di un credo specifico, poco importa. Un silenzio irreale ci avvolge e racconta più di mille voci insieme. Ci estraniamo dal mondo, sentiamo qualcosa di non ben definito invaderci e colmare l’anima. Ma non è ancora la quiete, la pace; queste verranno successivamente.

E’ un inquieto senso di benessere, a cui, per ora non ci sappiamo abbandonare, ma che ci riempie e ci incita a scoprire un  luogo che ci cattura e ci estranea  e ci emoziona.

Entriamo del loggiato della piccola chiesa. Qui dei dipinti di Alfredo Gentile raccontano quattro episodi legati alla vita del Santo. Una bifora permette la vista del lago. Oltre ad essere molto suggestiva, ha valore estremamente simbolico: è come se l’ambiente naturale e quello spirituale non fossero mai separati, ma restasse sempre aperto il varco di comunicazione tra i due. Visivo, ma anche, e soprattutto, emotivo e simbolico. 

Entrando all’interno della chiesetta vera e propria, l’allerta dei sensi aumenta. Il cuore accelera nell’attesa di qualcosa di indefinito; i piedi compiono i loro passi quasi autonomamente, seguendo una sensazione spirituale molto forte, che conduce giusto dietro l’altare, ad una porta che si apre su ripidi scalini scavati nella roccia calcarea. 

Salendo le scale anche questa sensazione mistica che ci accompagna sale, e culmina esattamente davanti al cancello posto a protezione dei resti del giaciglio di San Domenico, all’interno della grotta scavata nella roccia, dove il benedettino dimorava. E’ qui che il Santo visse in isolamento, tra solitudine, preghiere e penitenze. E’ qui che ebbe le apparizioni. E questa roccia conserva traccia di tutte le sofferenze e le rivelazioni che furono. Traccia viva del sudore del Santo; alone del misticismo e del mistero che qui si consumò in quei lontani giorni di eremitaggio.

C’è qualcosa che brucia nell’anima, toccando questo cancello. Qualcosa che attrae e terrorizza al tempo stesso, nell’aria che si respira dentro questa grotta. E’ il respiro delle polveri del tempo, dell’energia fortissima di una meditazione rivelatrice. Il cuore batte profondamente e lentamente; lo sentiamo dentro, questo luogo. Conserva ogni cosa accaduta. Gli occhi sono spalancati su qualcosa di assolutamente vivo e reale che tuttavia non riusciamo a distinguere. Quei fasci di luce verso il cielo, che vide San Benedetto, a noi non sono dati vedere, eppure li sentiamo perfettamente. Gli occhi spalancati ce li rivelano dentro la nostra anima.

Anche qui, una cavità nella roccia, non impedisce la vista dei boschi al di fuori. La natura entra prepotentemente dentro. In un tutt’uno. Si sente scorrere l’acqua. E’ la sorgente del fiume Sege, alle cui spalle sorge questa grotta solenne. Il tintinnio vivo dell’acqua deve essere lo stesso che rapiva San Domenico dalla sua solitudine, per offrirgli il conforto rivelatore della natura sovrana, da sempre, di questo luogo e del nostro mondo. Qui c’è verità. Qui è da cercare, nella propria anima e in quella del luogo, la consapevolezza. 

Uscire da questa grotta, dalla chiesa, dal suo loggiato, e arrivare sulle sponde del lago è come aver compiuto un lungo viaggio spirituale che ci ha modificati dentro. Possiamo compiere dei piccoli percorsi di trekking immersi nella natura intorno al lago o riposare ai tavoli di legno regalati al suo prato.

Ora, la sensazione è quella di benessere e pace assoluta. Di armonia con noi stessi e con il mondo. Le acque verdi del lago, le spiagge bianche, l’argentea cascatella, i fitti abeti che ci circondano, sono fatti della stessa materia della nostra anima. Tale perfezione non ci sorprende più – non può che essere così adesso -, ma ci avvolge e ci inorgoglisce.

Il meraviglioso paesaggio ci lascia una sensazione, ora, di pace e completezza. Abbiamo fatto un percorso, un viaggio dentro al viaggio; ci siamo dapprima sorpresi, poi tuffati e quasi siamo stati sopraffatti dalle forti sensazioni di questo luogo, infine abbiamo trovato la pace. Come una liberazione dalle energie negative, che qui sono state assorbite ed annullate. Comprese e superate.

Qual è dunque l’anima di questo luogo? E’ anima tutta. Un’anima di pace, di silenzio, di mistero, di natura, di bellezza, di perfezione, di energia, di misticismo, di meditazione, di raccoglimento e d’incanto. Ma è soprattutto un’anima fatta di tanti piccoli tasselli di una spiritualità diffusa su tutte le cose. Sull’eremo, sul giaciglio del Santo, ma anche sulla terra, sulla roccia, sui flussi dell’acqua, sulle sorgenti, sui boschi autunnali che accendono di fiamma il paesaggio. Un’anima che pervade tutta l’aria di questo luogo, che respiriamo come nutrimento di vita. 

E andando via, percorriamo l’itinerario al contrario, questa volta con una consapevolezza nuova. Pronti a tornare alla nostra vita normale, ma più forti. 
Ma non possiamo fare a meno di voltarci, un’ultima volta, ad ammirare il panorama del lago di San Domenico, così perfettamente distribuito tra sponde di ghiaia bianca, acque verdi, e montagne d’intorno. E un raggio di sole che filtra ad illuminarlo. Delicatamente. Traccia di spirito e d’autunno.

Info: www.abruzzoturismo.it/it
www.comune.villalago.aq.it
Foto di Paola Tornambè

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/italia/abbazia-di-montecassino.html

 

34 Condivisioni

Lascia un messaggio