Nel regno delle caramelle a Copenhagen

{gallery}/copenhagencaramelle/copenhagencaramellegallery1:190:150{/gallery}
La scelta su cosa portare a casa è difficile, i gusti sono davvero tanti: 82 differenti tipi, alcuni farciti, dieci solo alla liquirizia, due speciali per chi è allergico al glutine, cinque senza zucchero. Anche se quelli preferiti dagli acquirenti sembrano essere alla frutta (e qui l’imbarazzo della scelta aumenta, considerando ogni tipo di frutto), non mancano quelli  curativi per la gola, come al miele o all’eucalipto, o le combinazioni, come cocco e cioccolato o  more e liquirizia o fragole e anice. Come se non bastasse, si producono anche caramelle originali per ogni occasione: come Natale con quelli decorati all’interno con folletti o alberi natalizi, come  San Valentino, la festa della Mamma, del Papà, dei nonni, Comunioni e Nascite, ovviamente divise pure a seconda se il festeggiato sia maschio o femmina. Ci sono persino con la bandiera danese. E sono uno dei regali più amati per gli eventi dai danesi. Somod’s Bolcher è nato nel 1891, è di proprietà della stessa famiglia da ben cinque generazioni e ha sempre dato la priorità alla qualità e al gusto: le caramelle sanno di lampone o di limone, non di addittivi e conservanti. Proprio come quelle di una volta. Somods fa i suoi prodotti con il metodo usato cent’anni fa. Infatti, in laboratorio non si usano macchine moderne per la produzione, bensì la forza delle braccia dello “mastro”. Lui impasta gli ingredienti, tra cui non figurano glucosio e altri componenti chimici: solo zucchero semolato, aromi e coloranti anturali, e se sono da riempire, il miglior cioccolato, marzapane o noci, in circolazione. Poi il caramellaio stende la pasta ottenuta, come fosse un lungo nastro,  aiutandosi con un arnese attaccato al muro e “impastandola” e allungandola, e infine la taglia. Spesso e volentieri in piccole e rotonde delizie, con al centro decorato il frutto o una  scritta o un disegno. Il laboratorio è visitabile, appena dietro il banco da dove due gentili commesse sono disposte a far assaggiare la produzione, in modo da porter scegliere quello che piace di più. In passato, i clienti che avevano esigenze particolari hanno fatto richiesta e da lì sono nati nuovi tipi di bonbon,  ora in assortimento. Anche la confezione è accurata come merita: sacchettini trasparenti, scatole di latta o vasetti di vetro con tanto di fiocco e con il logo del negozio. Tutto molto artigianale e tradizionale.
{gallery}/copenhagencaramelle/copenhagencaramellegallery2:190:150{/gallery}

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

 

mondo Articoli correlati
Il caldo Natale di Copenhagen
Info utili sulla Danimarca

In collaborazione con www.visitdenmark.com e www.visitcopenhagen.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio