Nelle terre dei Papi

{gallery}/terrepapi/terrepapigallery1:190:150{/gallery}
Sotto Il Monte, ad esempio, sembra essere totalmente consacrata alla memoria di Papa Giovanni, tanto da portarne anche il nome. Questa primavera è prevista, il 27 aprile 2014, la canonizzazione del Santo Padre: un occasione in più per scoprire il paesino.  Roncalli nacque il 25 novembre 1881 nella frazione di Brusicco nella casa che oggi si visitare, mantenuta nella stessa originale e austera povertà. Il futuro Papa Buono era il quarto di tredici figli di una famiglia contadina, visse qui fino all’età di dodici anni e curiosamente al momento della registrazione della nascita all’anagrafe del comune vennero registrati i nomi, Giuseppe Angelo, invertiti e furono corretti solo quando Roncalli divenne Giovanni XXIII nel 1958.  A Sotto il Monte, tra boschi e vigneti, si possono seguire le tappe della Sua vita: oltre alla casa di famiglia,  il Seminario del Pontificio Istituto Missioni Estere, voluto proprio da Lui che nel 1963 benedisse la prima pietra, orgoglioso del suo paese.
{gallery}/terrepapi/terrepapigallery2:190:150{/gallery}
Oggi all’esterno del seminario c’è una statua in bronzo del Papa, resa lucida dalle tante carezze che milioni di pellegrini fanno quando passano da qui. Altri luoghi importanti sono la chiesa di Santa Maria, dove ricevette il battesimo e dove sono conservati affreschi del Cinquecento, il museo Ca’ Maitino, residenza dei Roncalli dal Quattrocento dove il prima vescovo e poi cardinale Angelo trascorreva le vacanze, ora ci sono conservati ricordi e oggetti del Papa, come  l’altare dove celebrava la Messa in Vaticano, il letto dove spirò il 3 giugno 1963 e molti doni a lui fatti da ogni parte del mondo, la chiesa di San Giovanni Battista, la Torre di San Giovanni, la Chiesa di Botta, il piccolo Santuario della Madonna delle Caneve e l’Abbazia di Sant’Egidio. Sotto il Monte sembra immutato da quando il Papa viveva qui e offre un forte impatto spirituale.  Altrettanto amato dai pellegrini è Concesio, vicino a Brescia, dove nacque nel 1897 Gian Battista Montini. Nel cuore del paese, c’è la casa natale di Paolo VI, anche questa trasformata in museo, circondata da un grande giardino. Da visitare sono pure  il Centro Internazionale di Studi e Documentazione e la collezione Paolo VI, nuovo museo dell’Associazione Arte e Spiritualità, che raccoglie ed espone il patrimonio di settemila dipinti, disegni, stampe, medaglie e sculture del Novecento donate a Montini.
{gallery}/terrepapi/terrepapigallery3:190:150{/gallery}
Una volta in zona, su queste terre dei Papi, si può scegliere di visitare i due capoluoghi, entrambe città d’arte, Bergamo e Brescia. Bergamo, divisa in città Alta e città Bassa, offre un centro storico spettacolare, completamente racchiuso da mura, con il Duomo, la torre civica, il palazzo della Ragione, l’orto botanico e ha ancora uno aspetto da fortezza inattacabile. Anche Brescia, cuore longobardo d’Italia, è ricca di storia e arte. Come il Museo Santa Giulia, Patrimonio Mondiale dell’Unesco, con il Monastero di San Salvatore, il Foro Romano, il Castello, il teatro dove quest’anno si festeggiano i cento anni della prima della “Madama Butterfly” di Giacomo Puccini. Il tutto in un itinerario che racchiude arte, storia e fede.{gallery}/terrepapi/terrepapigallery4:190:150{/gallery}

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

Foto www.circuitocittadarte.it, www.iatsottoilmonte.it, www.comune.bg.it, www.istitutopaolovi.it
Info www.circuitocittadarte.it

0 Condivisioni

Lascia un messaggio