Suggestioni della Corsica tra mare e monti

{gallery}/bastiadintorni/bastiadintornigallery1:190:150{/gallery}
È  la zona di Cap Corse, estremità nord della Corsica, con una ripida catena montagnosa lunga 40 chilometri da una parte, lunghi litorali e marine con mare limpido e spiagge accoglienti. Una terra di marinai, pescatori e contadini, dove il dominio genovese del passato ha lasciato un segno nelle costruzioni. Ma soprattutto una strada panoramica che fa quasi un giro a cerchio per offrire spettacolari paesaggi ad ogni svolta. Dopo aver lasciato Bastia con una salita abbastanza ripida, con la strada della Corniche si arriva a Ville Di Pietrabugno, antico centro rurale con le vestigia di una torre di difesa medievale e dominato dall’imponente chiesa di Santa Lucia, edificata sulla cima di un monte. Da queste parti, un sentiero sale fino alle ghiacciaie, le cosidette Nivere: la neve raccolta durante l’inverno veniva conservata in queste costruzioni per poi essere venduta ai notabili e ai ricchi della zona durante i mesi caldi. Ville di Pietrabugno offre un paesaggio quasi da presepe che presto lascia il posto ad una discesa verso la costa, sfiorando altri borghi caratteristici, fino alla strada panoramica sul mare, costellata di palazzi neoclassici e ottocenteschi che vengono chiamati “americani” perchè furono fatti costruire dei corsi andati a far fortuna in America. Facciate pastello scolorite dalla salsedine, balconi addobbati di fiori e ringhiere di ferro battuto, fanno da sentille lungo la strada, un po’ come facevano un tempo le sessanta torri di difesa costruite lungo tutto il Cap Corse dai genovesi per combattere la pirateria: una rete preziosa per allarme e soccorso che impiegava solo un’ora a propagandare i messaggi da un capo all’altro della Corsica, allertando la gente. 
{gallery}/bastiadintorni/bastiadintornigallery2:190:150{/gallery}
Oggi in piedi di quelle antiche piccole fortezze ne sono rimaste in poche, silenziosi ricordi degli assedi e dei sacchi, come quello di Lumio del 1310, che decimarono la popolazione e resero schiavi dei saraceni centinaia di abitanti. Una di queste torri, quasi intatta, si trova nel borgo di Erbalunga, costruito su un piccolo promontorio tanto che sembra sospeso sulle acque. È un villaggio amato dai pittori, soprattutto negli anni Trenta venivano qui a dipingere scorci suggestivi, e immaginare il perchè non è difficile. Ogni angolo è caratteristico, con le case di pietra con le facciate erose dal sale, gli stretti vicoli, gli archi, gli improvvisi approdi sulla riva, i vasi di fiori e i gatti stesi a dormire dentro le ciotole sulle scale delle abitazioni, i pescherecci colorati di blu e rosso che dondolano all’ancora nel porticciolo. Scene da perfetta cartolina, dove il tempo sembra essersi  fermato a quando i commercianti pisani attraccavano qui con le loro navi per fare rifornimento di botti di vini corsi oppure quando la paura correva sul filo dell’invasione piratesca.{gallery}/bastiadintorni/bastiadintornigallery3:190:150{/gallery}
È un luogo con alto potere di suggestione, Erbalunga. Un centro tipico della Corsica i turisti che passeggiano per le viuzze strette, che sostano nelle piazze con i tavolini dei caffè all’aperto e che si avvicinano alla torre per una fotografia e per lanciare uno sguardo al mare cristallino. La ruvida pietra del monumento si scaglia contro l’azzurro del cielo, mentre sotto l’acqua si fa trasparente sui sassi: un gioiello che rende Erbalunga un luogo da non perdere quando si passa da queste parti. Durante l’estate, poi, il borgo marinaro si riempie di eventi e rassegne di spettacoli di ogni genere, in particolare ad agosto va in scena il prestigioso Festival de Musique, con musica classica, jazz, flamenco e canti polifonici tradizionali. La notte, con le  case e il porticciolo illuminati è magica, mentre i ristoranti si affollano di clienti proponendo le specialità corse legate al mare. Nel villaggio, c’è anche una chiesa dedicata a San Erasmo, patrono dei marinai: qui sono conservati due enormi crocifissi che vengono portati in processione durante i riti pasquali nel piccolo borgo in festa. Erbalunga dista solo una decina di chilometri da Bastia ed è collegata da una strada panoramica sul mare che attraversa altri piccoli borghi marini, come Miomo e Pietranera, tra spiagge e baie che invitano alla sosta. Bastia con la sua cittadella e il porto dove arrivano i traghetti è poco più in là, facilmente raggiungibile.

Dove dormire: Hotel Pietracap, 20 Route de San Martino, 20200 Bastia, www.hotel-pietracap.com, hotel-pietracap@wanadoo.fr. Delizioso hotel immerso nel verde con vista sul mare e l’Isola d’Elba, a due chilometri da Bastia, tre stelle, trentanove camere dotate di ogni confort e balcone panoramico, interno ricco di quadri colorati dipinti dal figlio della proprietaria, quasi fosse una galleria d’arte, rigoglioso giardino di bouganville, gelsomini e ulivi centenari, scenografica piscina all’aperto, accesso wi-fi gratuito, colazione con marmellate fatte in casa con i limoni e gli aranci che crescono nella proprietà. 
Dove mangiare: Hotel Restaurant La Corniche 20200 San Martino di Lota – Haute-Corse (France) Tel. +33 (0) 495 314 098 – Fax. +33 (0) 495 323 769 e-mail info@hotel-lacorniche.com. Sin dal 1930, quando aprì il ristorante, gli abitanti della zona venivano a mangiare sotto le piante al fresco,  il ristorante e l’hotel sono tuttora una delle mete preferite grazie anche alla spettacolare terrazza che si affaccia sulla vallata, il mare e l’arcipelago toscano. Menù di classe legato al territorio, tra pesce, formaggi locali e dessert tipici. 
Come arrivare: per tutta l’estate, fino al 16 settembre 2014, Vueling mette in connessione Bastia con Roma Fiumicino, con due voli a settimana, il lunedì e il venerdì, a partire da 38,94 Euro solo andata. La compagnia aerea spagnola riproduce a Roma il suo modello di Barcellona connettendo dei voli Vueling via aeroporto Roma Fiumicino. Vueling facilita così l’accesso verso l’Italia del Sud (Bari, Catania, Lamezia Terme e Palermo) e i paesi mediterranei, tra cui la Croazia e la Grecia (Atene, Corfù, Creta, Santorini, Mykonos) per i passeggeri in partenza da Bastia.{gallery}/bastiadintorni/bastiadintornigallery4:190:150{/gallery}
compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
Nell’azzurro di Saint Florent
Calvi tra shopping e mare
Bastia tra Santi e marinai

In collaborazione con www.visit-corsica.com, www.corsica-made.com, www.rendevezvouenfrance.com, www.vueling.com, www.bastia.aeroport.fr
Info www.bastia-tourisme.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio