Oulu, natura e divertimento nello scenario nordico

spiaggia di Nallikari

La spiaggia è lunga, bianca e invitante. Soprattutto deserta. Qualche solitario bagnante si tuffa, l’acqua non è nemmeno fredda se non fosse per il vento che soffia. Le casette azzurre, usate come cabine, aspettano qualche vacanziero, la postazione dei bagnini più avanti è vuota, vicino alla strada fervono i preparativi per un appuntamento sportivo. Il tardo pomeriggio di fine estate offre un momento di serenità a Nallikari, una delle spiagge più belle e amate della Finlandia dell’ovest.

Come tutta la zona, la costa è formata da una miriade di isolette, una vicina all’altra. Anche Nallikari fa parte di una di queste: ci si arriva in auto, a piedi o in bici attraverso un piccolo ponte panoramico e una strada immersa nel verde. Oppure si usa il trenino turistico giallo che durante l’estate fa la spola tra la spiaggia e Oulu, la città  alle spalle. Nallikari è meta di visitatori per la lunga striscia di sabbia, l’acqua calma e limpida, i giochi sportivi: uno scenario nordico immerso nella natura a pochi chilometri da una vivace cittadina.

Oulu è un concentrato di vita, entusiamo e attività. Gli eventi di qualsiasi genere offrono un calendario invidiabile: si va dai festival rock, molto seguiti da queste parti e con uno degli appuntamenti europei più importanti, Qstock, a quelli di musica da camera, passando per l’arte, la letteratura, i video, allo sport. Il più famoso di tutti, però, quello per cui è nota Oulu ovunque, è l’Air Guitar World Championships. Una manifestazione gratuita di tre giorni in piazza con una sfida di chitarristi che fingono di suonare lo strumento: un campionato che richiama aspiranti vincitori da tutto il mondo, Nuova Zelanda e Giappone compresi, un pubblico affezionato e soprattutto moltissimo divertimento.

Ogni finto musicista si è creato un alter ego con il quale sale sul palco per essere giudicato da alcuni esperti del settore: c’è chi interpreta la casalinga rockettara, chi il nerd con gli occhialetti (Aristotele, un ragazzo americano che ha vinto l’edizione 2016), chi un marchese settecentesco. Il tutto tra la grande ilarità della gente e follie sul palco, introdotti dal campione assoluto dell’Air Guitar, Justin Howard, o meglio Nordic Thunder, di Chicago ma ormai completamente adottato da Oulu, che si lascia andare al duetto con il presentatore delle serate a un esilarante e stonato omaggio a David Bowie. Probabilmente il Duca Bianco non si è rigirato nella tomba, anzi avrà gradito questo piccolo e divertente siparietto.

Il rock, il metal e i finti musicisti rallegrano Oulu, immersa in una regione piena di attrazioni. Le spiagge, il mare e i fiumi, i boschi sono l’ideale per chi vuole stare a contatto con la natura o praticare sport. Si può provare di tutto, anche se l’attività più amata qui è il Sup, ovvero pagaiare stando in piedi su una tavola da surf. Si possono affittare le attrezzature, così come biciclette, kitesurf e quant’altro, al porticciolo di Oulu, da dove si parte anche per le crociere e i tour intorno all’arcipelago.

Qui si va spesso e volentieri in barca: il panorama, con il mare azzurro, le piccole isolette, i fari, i cigni che nuotano vicino alla costa, è suggestivo, anche se la cartiera, proprio all’uscita di Oulu, con i suoi fumi cerca di oscurare la vista.
Una volta rientrati si può partire alla scoperta di questa città, tra acqua e verde. Davanti ai
moli le tipiche casette rosse finlandesi ospitano negozi di artigianato e design, lo shopping a Oulu è una cosa seria: le vie pedonali del centro sono piene di possibilità di fare acquisti e di locali, è stato inaugurato da poco un grande centro commerciale e quando è giorno di mercato la piazza davanti al porto si riempe di bancarelle di ogni colore e sapore.

Sono una gioia per gli occhi e per il palato con le bacche rosse, i lamponi, i mirtilli, arrivati qui appena colti dai boschi intorno, insieme ai funghi e alle mele, mentre i tavoli dei caffè e dei ristoranti all’aperto sono pieni di gente così come i banchi che propongono cibo d’asporto,
pesce soprattutto. Si prende il piattino e ci si va a sedere sui moli, a godersi il sole nordico di fine estate, guardando il mare, le imbarcazioni e il grande edificio squadrato del teatro cittadino.

Non deve mancare mai, poi, il tempo di salutare Bobby, ovvero il poliziotto al centro della piazza del mercato: la statua è stata messa lì nel 1987 per ricordare un amatissimo agente che per più di quarant’anni è stato in servizio a controllare il mercato e la piazza. Poco oltre, con una passeggiata gradevole, si raggiungono i luoghi simbolo di Oulu: la cattedrale, il Municipio, il centro per la scienza, i vari musei, i piccoli parchi con ruscelli e locali. Altre isole, oltre a Nallikari, sono raggiungibili a breve distanza da Oulu e offrono un’altra alternativa per stare in mezzo alla natura, andare in bicicletta o fare un pic nic.

La spiaggia non è solo a Nallikari. A un paio d’ore d’auto da Oulu, verso sud, si trova Kalajoki, il luogo di vacanza più frequentato dai finlandesi. La lunghissima spiaggia bianca, chiamata familiarmente Artic Beach, non è l’unica attrazione di questo
curioso posto: tra laghi, fiumi, boschi, è il centro di ogni possibile attività. Golf, equitazione, windsurf, canoa, bird watching, trekking, e d’inverno anche snowbording e sci: nemmeno i più pigri riuscirebbero a resistere a tanta offerta. Non mancano centri benessere, con la sauna, parchi divertimento per i bambini, teatri, cinema e molti eventi di ogni genere, dai fuochi d’artificio all’Oktoberfest.

In più, il villaggio è circondato da una serie di cottage e casette nel bosco o a bordo lago che si possono affittare, tutto l’anno, da tre hotel e ristoranti che offrono il tipico pesce bianco affumicato. Insomma, il luogo di vacanza perfetto. Anche se basterebbe contemplare il sole calante sulla lunga spiaggia per vivere un’emozione. E se la giornata non è propriamente estiva, con le nuvole che avvolgono la sabbia nel grigiore, si capisce perché questa è chiamata Artic Beach. In fondo a Kalajoki e a Oulu, è la natura il vero segreto della popolarità  di questa zona costiera.

Dove dormire: Sokos Hotel Arina (www.sokohotels.fi/eu), in pieno centro, un hotel di design tipico, camere spaziose e colorate, dotate di ogni confort, wi-fi gratuito, colazione abbondante, sede del backstage dell’Air Guitar World Campionship.

Dove mangiare: Hugo, Rantakatu 4 Oulu, www.ravintolahugo.fi, a due passi dalla piazza del mercato, in un antico palazzo appartenuto ad un capitano di un mercantile, cucina raffinata, anche vegetariano, sale da ricevimento.
Ravintola Nallikari, Nallikarinranta 15, Oulu, direttamente sulla spiaggia di Nallikari, un ristorante dalla vista panoramica e dall’arredamento moderno, cucina tipica finlandese, anche vegetariano.

Come arrivare: Oulu è collegata a Helsinki con i voli della Finnair, in coincidenza con i maggiori aeroporti italiani.

Info: www.visitoulu.fi, www.visitkalajoki.fi, www.visitfinland.com

Foto di www.visitfinland.com, Vastavalo/Tomi Lehtola, Seppo Hinkula, Sonia Anselmo

In collaborazione con www.visitfinland.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio