Natale a Bruges, installazioni, romanticismo e spiritualità

Si muovono sinuosi nell’acqua o si fermano a farsi ammirare dai visitatori. I cigni sono una costante del centro storico e anche per il Natale a Bruges non possono mancare.

Anzi, gli uccelli sono i protagonisti di una delle installazioni sparse per la romantica città delle Fiandre per il Natale a Bruges. Fino al 7 gennaio 2024 Story of the Swan racconta una storia di amore tra cigni. Non è l’unica installazione che gioca con la luce e il suo riflesso sull’acqua
dei canali: per la quinta edizione di Winter Glow Bruges diventa ancora più incantevole e magica.

Protagonista assoluto dell’evento è il percorso di luci “Aurora” che conduce il visitatore attraverso il centro storico per il Natale a Bruges. Quest’anno, gli artisti di CREATE.eu si sono lasciati ispirare dall’aurora boreale per le 10 installazioni sparse su un itinerario di 2.5 km, che giocano con la luce e il suo riflesso sull’acqua dei canali. Oltre ai cigni, Heartbeats che permette di illuminare la chiesa di Santa Valpurga (Sint-Walburgakerk) con il proprio
battito cardiaco.

Per respirare a pieno l’atmosfera del Natale a Bruges, da non perdere la pista di ghiaccio artificiale installata sull’acqua del Lago dell’Amore (Minnewater) e il suo bar invernale, presso cui è possibile concedersi un momento di pausa con i prodotti locali. E naturalmente gli spazi per lo shopping: oltre a tutte le strade e le insegne del centro addobbate e illuminate a festa, sulla piazza Markt si può trovare il mercatino natalizio con tutti gli stand tradizionali, mentre sulla piazza Simon Stevinplein l’offerta si concentra sulla sostenibilità e sulle filiere corte.

Il Natale a Bruges è soprattutto un’esperienza spirituale. Ritagliarsi un momento per riflettere e trovare un po’ di tranquillità nel centro storico è possibile nella chiesa neogotica di Santa Maddalena, risalente al XIX secolo. Oltre ad essere un edificio religioso, oggi questa chiesa è un luogo di ritrovo in cui la spiritualità rimane centrale e dove il visitatore può rigenerarsi e ritrovare ispirazione. “Madeleine in Brugge”, chiamata così dagli abitanti del quartiere, vuole essere un angolo di paradiso in terra, in cui tutti sono benvenuti, a prescindere dal loro sesso, colore o credo religioso. All’interno, installazioni interattive, un’altalena, un bar, eccentriche opere d’arte e un percorso con audioguida di 25 minuti con domande stimolanti per offrire un’esperienza di rinascita spirituale.

Inoltre, quest’anno durante il periodo di Natale a Bruges riapre l’antico Ospedale di
San Giovanni dopo una ristrutturazione di 10 mesi. Questo ex ospedale, che già nel XII secolo dava
ricovero a persone bisognose di cure, è oggi uno dei musei principali di Bruges: ospita infatti la seconda collezione più grande al mondo del primitivo fiammingo Hans Memling, tra cui alcuni capolavori che l’artista realizzò nel 1400 proprio per questo luogo.

Grazie al recente rinnovamento, il museo sottolinea in maniera ancora più forte la connessione tra la storia plurisecolare dell’edificio e la sua straordinaria collezione artistica, attraverso temi universali come l’ospitalità, l’empatia, la vita e la morte e l’attenzione verso il prossimo.

Oltre alle opere di Memling, il museo presenta anche una collezione di opere contemporanee come, ad esempio, la scultura ‘Arcangelo Sdraiato’ di Berline de Bruyckere, acquistata recentemente, la quale rinforza il messaggio del museo di essere diventato un posto contemporaneo il cui scopo principale è l’accoglienza, proprio come lo è stato durante i secoli.

Infine, se l’esperienza del Natale a Bruges non è bastata a contemplare questa meravigliosa città, c’è sempre quarta edizione di Triennale Bruges, che si terrà dal 13 aprile 2024 al 1° settembre 2024, ad accompagnare e stimolare i turisti tra vicoli, piazze e canali della città. Sotto il tema di “Spaces of possibility”, le opere della triennale esplorano la possibilità di connettere una città storica, patrimonio Unesco, ad una visione improntata al futuro.

Info
www.visitflanders.com
www.visitbruges.be/it/
www.museabrugge.be/en/

Foto: Visit Bruges © Jan Darthet, Visit Bruges © Jan D’Hondt, gentilmente concesse dall’ufficio
stampa di Visit Flanders Italia a corredo dell’articolo

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/europa/castelli-delle-fiandre-tra-fascino-e-storia-lungo-il-fiume.html
https://www.latitudinex.com/europa/dendermonde-sorprese-e-curiosita-nelle-fiandre.html
https://www.latitudinex.com/europa/gravensteen-il-medioevo-a-gent-con-il-castello-dei-conti.html

0 Condivisioni

Lascia un messaggio