Estoril e Cascais, casual chic

{gallery}/estoril/estorilgallery1:190:150{/gallery}
D’estate le lunghe e ventose spiagge con i caratteristici ombrelloni di paglia, sono molto affollate, di inverno c’è sempre gente che viene a passare il weekend, a godersi le temperature miti e il panorama. Il mare davanti, la collina e i boschi dietro, blu e verde, con la Sierra di Sintra che tiene lontani i freddi venti del nord: si capisce subito come questi luoghi si siano trasformati da villaggi di pescatori in località alla moda. Estoril e Cascais in teoria sarebbero distanti tre chilometri, nella realtà sono tutt’una con le nuove palazzine e gli hotel che si susseguono quasi incessantemente. Eppure questa Costa del Sol portoghese rimane avvinta al suo fascino di un tempo, quando nel XIX divenne appunto in zona di vacanza per il jet-set. Forse non saranno più le mete esclusive di un altro secolo, ma sono ancora una tappa che merita una visita. Cascais, la più grande delle due, era già abitata in epoca romana, ha una cittadella che risale al Seicento, oggi adibita a scopi milirati ma con un piccolo Museo dell’Artiglieria aperto al pubblico, fu danneggiata dal grande terremoto del 1755, lo stesso che distrusse Lisbona. La città costiera è risorta dalle sue ceneri quando è diventata residenza estiva dei sovrani, intorno al 1870, e poi del Presidente della Repubblica. Oggi è susseguirsi di alberghi, negozi e ristoranti, con il lungomare, Avenida de Dom Carlos I, che costeggia la praia de Ribeira che si apre sulla baia. Altrettanto amate sono le altre spiagge, praia da Rainha, circondata da scogli, e la praia da Duchesa, con sabbia molto fine.
{gallery}/estoril/estorilgallery2:190:150{/gallery}
Se invece si è attratti dallo spettacolo selvaggio dell’oceano Atlantico, tappa fondamentale è Boca do Inferno, appena fuori Cascais: da una piattaforma panoramica si può ammirare la scogliera, alta 15-20 metri, in parte scavata dal mare, sulla quale si infrangono le onde con violenza. Adorata dai surfisti, la costa è una delle bellezze del Portogallo. Cascais ha anche alcune attrazioni architettoniche: oltre alla fortezza, si può visitare la chiesa Nossa  Senhora da Assunção, in stile manuelito e ricca di azulejos settecenteschi, e la chiesa de Nossa Senhora dos Navegantes, con un portale barocco. C’è anche un vasto parco, risalente all’inzio del XX secolo e facente parte di una residenza estiva nobiliare, ora dello Stato: al suo interno una biblioteca, un piccolo museo con porcellane, pezzi di argenteria e ritratti di famiglia dei vecchi proprietari e alcuni manufatti preistorici ritrovati nei dintorni. Poco distante, il Museo del Mare, dedicato al mare e alla navigazione, importantissima per la storia portoghese. L’oceano è sempre stata grande risorsa e oggi le scogliere e le spiagge sono fondamentali per il turismo qui a Cascais e nella vicina Estoril. Famosissima per il circuito delle Moto GP, la cittadina, anch’essa ex villaggio di pescatori, ha un’atmosfera internazionale, dovuta anche agli eventi sportivi. Non solo moto, ma anche un torneo annuale di tennis, uno di golf (ci sono parecchi campi nelle vicinanze), la vela, con il Campionato Internazionale che si svolge a fine giugno,  e l’equitazione.  Tra alberghi di  lusso, ville eleganti, negozi e boutique di classe, ristoranti con varie proposte gastronomiche, Estoril è vivace e chic allo stesso tempo.
{gallery}/estoril/estorilgallery3:190:150{/gallery}
Tutto ruota intorno al lungomare che continua a stregare gli animi romantici, insieme all’Hotel Palàcio in stile anni Trenta e le antiche rovine di un palazzo romano. Da vedere sono anche l’Ufficio Postale, risalente all’Ottocento, la barocca chiesa di Santo Antonio e il Museo Regionale di Musica. Inoltre Estoril ospita ogni stagione mostre, festival, come quello  jazz che si tiene a luglio, fiere, come quella dell’artigianato, durante l’estate, mentre il Casinò offre le sue sale a concerti e spettacoli di ogni genere. Ma la festa più amata è senz’altro Capodanno, dove nella splendida spiaggia di Tamariz la baia, vicino al fiume Tago, si incendia di mille fuochi d’artificio spettacolari.  La spiaggia è molto suggestiva e amata dal jet-set, quasi a far diventare questo angolo di Portogallo una piccola Costa Azzurra, esclusiva ed elegante. Estoril e Cascais, poi, sono anche  base ideale per andare a scoprire la stravagante Sintra, pochi chilometri nell’entroterra, con i suoi palazzi particolari e i boschi incontaminati. Tutto a breve distanza da Lisbona.
{gallery}/estoril/estorilgallery4:190:150{/gallery}
compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
Stravagante e romantica Sintra
Berlenga, il regno dei gabbiani

Foto di © Turismo de Lisboa
Info www.visitlisboa.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio