Epiro, destinazione alternativa della Grecia

Alonaki beach-Preveza

La Grecia che non ti aspetti. Mare, storia, archeologia, cucina e divertimento, non mancano. Ma l’Epiro, la regione al nord, al confine con l’Albania, offre anche montagna, avventura, sport. In più, in tutte e quattro le stagioni: con le stazioni sciistiche e i monti innevati in inverno, le foglie dai colori accesi e il calore dell’autunno, le spiagge e l’acqua limpida d’estate, i fiori e la delicatezza della primavera.

In questo modo, l’Epiro, che si è presentato in tutti i suoi aspetti in una splendida serata a Roma presso la residenza dell’Ambasciatore Greco in Italia, è una vera destinazione alternativa e da scoprire.
Per i collegamenti dall’Italia, c’è l’imbarazzo della scelta: voli sui due aeroporti della zona, traghetto da Ancona, Bari e Brindisi, persino un percorso in auto, sicuramente lungo, ma affascinante.
Comunque sia, l’Epiro è pronto ad accogliere i visitatori, in crescita negli ultimi anni, anche con strutture alberghiere e soluzioni di vacanze per tutte le tasche.

Diviso in quattro province, l’Epiro propone mare e montagna a circa un’ora e mezzo di distanza, magari la mattina si può stare in spiaggia in relax e il pomeriggio andare a fare rafting o trekking sui monti.
Il primo impatto potrebbe essere con Preveza, l’area affacciata sul mar Ionio, con l’omonima città: sessanta chilometri di costa incontaminata, tra sabbia, roccia e vegetazione, ovviamente con acque azzurre adatte ad ogni sport, dal diving alla vela. Inoltre, vicino Preveza si trova il sito archeologico di Nicopolis, città fondata da Ottaviano Augusto per commemorare la sua vittoria nel 31 a.C. contro Antonio e Cleopatra: si possono visitare le terme, lo stadio, la necropoli, una
prima basilica cristiana, il monumento ad Augusto e il museo che raccoglie i reperti. Inoltre, Preveza è la culla della gastronomia dell’Epiro: grazie all’abbondanza di ortaggi, frutta, agrumi, olive, miele e il pesce, si possono assaggiare molti piatti semplici ma genuini. Anche la natura è da osservare: da queste parti si pratica il bird watching per ammirare rari uccelli e il lago Ziros con le sorgenti è ideale per stare immersi nel verde.
Per gli amanti dello shopping e del divertimento, si può soggiornare a Parga, antica cittadina circondata da spiagge, con una piccola isola davanti, piena di negozi, locali e caffè.

Diversa è la zona di Arta, con i famosi ponti di pietra a quattro archi, la biodiversità tutelata, le cascate e il parco nazionale: una regione totalmente immersa nella natura e nella storia bizantina.
Ioannina, invece, è la provincia montagnosa dell’Epiro: i fiumi cristallini sono ideali per il rafting, il lago Pamvotis porta con sé antiche leggende, la città di Ioannina ha tradizioni lontane, il parco Vikos-Aoos appartiene al Patrimonio Mondiale dell’Unesco, i piccoli villaggi, i monasteri persi tra i monti.

Ancora più spirituale è la regione di Thesprotia con la città  di Igomenitsa, dove si possono visitare monasteri scavati nella roccia. Legata all’Odissea e a Polifemo, la zona ha una costa selvaggia, foreste, strette gole, monumenti antichi, un castello veneziano, folklore millenario.
Uno dei tanti aspetti dell’Epiro, un vero caleidoscopio di colori, profumi, gusti e attività adatte a tutti.

Foto e Info www.epirusforallseasons.gr
Si ringrazia www.visitgreeece.gr

0 Condivisioni

Lascia un messaggio