Vita di dammuso

pantelleria-dammusiPantelleria si distingue anche per le sue tipiche costruzioni di origine araba: i dammusi. Soggiornare in una di queste strutture rientra fra le migliori esperienze pantesche, anche se sull’isola naturalmente non mancano gli hotel, per lo più strutture gemelle di quelle della vicina Tunisia e distribuiti tra il paese e la costa che si affaccia sull’Africa. L’importante, se si sceglie il periodo estivo per una visita, è prenotare per tempo. L’offerta è abbondante da parte delle agenzie che affittano dammusi di proprietà a chi voglia scoprire le bellezze dell’isola anche tramite quest’esperienza abitativa (il consorzio turistico locale offre una scelta online). C’è addirittura un’espressione che connota coloro che fanno quasi solo vita di dammuso: dammusari. Vivere in dammuso significa scoprirne gli angoli freschi all’esterno dove correre al riparo durante la calura, oppure gli interni altrettanto temperati grazie alla spessa costruzione delle mura e ai tetti a cupola, che d’inverno aiutano a raccogliere l’acqua piovana, bene preziosissimo. Significa consumare un pasto pantesco sulla ducchena (i sedili di pietra piastrellati) della terrazza da cui godere la vista sul Mar Mediterraneo e su cui cercare rinfresco nelle calde sere estive quando i venti si placano e si respira la muffura, l’umidità che diventa nebbia al mattino.

A.P.

0 Condivisioni

Lascia un messaggio