Nosy Be, l’isola di smeraldo

{gallery}/MySunSea/04MadMSSgallery1:190:150{/gallery}
Non è necessario approdare sull’isola principale del Madagscar per accedervi, A Nosy Be esiste infatti un aeroporto intercontinentale dove opera sia la compagnia di casa come altre charter che collegano lo scalo di Fascene con l’Europa. Nosy Be significa “isola grande” in lingua malgascia ed è chiamata così per essere la più estesa del minuscolo arcipelago che le fa corona; però è nota anche come Nosy Manitra, cioè “isola dei profumi” per la sua ricchezza di piante aromatiche e spezie, fra cui il celebre ylang ylang, oltre a vaniglia, pepe, frangipane e cannella. Il capoluogo Hell Ville è un centro minuscolo e vivace con costruzioni in stile coloniale che ricordano il passato francese. Qui, intorno al porto che collega l’isola al Madagascar, si possono trovare le banche, l’ufficio postale, i negozi, ristoranti con cucina tipica e anche un museo che testimonia le tradizioni delle genti del luogo. Il secondo centro per importanza è invece Djamandjary dove è possibile visitare una storica distilleria, che ancora oggi produce rhum, e una raffineria di zucchero.
{gallery}/MySunSea/04MadMSSgallery2:190:150{/gallery}
Ma come si diceva, il vero tesoro di Nosy Be è la sua natura, che qui proprio non fa mancare niente. Al capitolo mare è d’obbligo citare i punti più belli per fare snorkelling e osservare le bellissme barriere di corallo tra le coste di Nosy Komba e Nosy Tanikely, due isolette vicine, raggiungibili in barca. Per chi preferisse invece una pigra vita sotto il sole, le spiagge migliori sono Madirokely, Ambatoloaka, piccolissimo villaggio di pescatori affacciato su una bellissima spiaggia e Ambondroa che si apre su una minuscola baia a nord. Da questo punto in poi i paesaggi cominciano a essere sempre più isolati come veri paradisi terrestri, fino ad Andilana, che si trova nell’angolo nord occidentale dell’isola ed è considerata una delle spiagge più belle. Ma anche se Nosy Be è circondata da un mare a cinque stelle, su questo minuscolo lembo di terra c’è ben altro per gli amanti della natura. Innanzitutto la riserva naturale di Lokobe, nell’angolo sudorientale. In quest’area, dove è possibile anche campeggiare per i più avventurosi, le guide possono condurre alla scoperta della peculiare fauna locale: lemuri, camaleonti e i bellissimi e inoffensivi serpenti boa del Madagscar.
{gallery}/MySunSea/04MadMSSgallery3:190:150{/gallery}
Un’escursione all’interno invece consentirà di osservare i coccodrilli nei numerosi stagni, di cui uno considerato sacro. Questi si trovano soprattutto nella zona del monte Passot, che con i suoi 329 metri è la cima più alta dell’isola. Un’escursione fino alla vetta potrà consentire di osservare il tramonto e una spettacolare vista a 360 gradi sull’oceano intorno, con il resto dell’arcipelago. Un’altra gita, marina questa volta, porterà a Nosy Komba e al parco marino di Tanikely. Sulla prima si trova un piccolo villaggio diventato il primo mercato artigianale di Nosy Be e anche qui si può visitare un parco ricco di fauna locale, fra cui spiccano le tartarughe. A Tanikely invece si apre un vero e proprio acquario tropicale ricco di coralli, gorgonie, pesci e stelle di mare di varie forme, colori e dimensioni. Emozioni marine anche per la visita di Nosy Iranja, due isole che spuntano dall’oceano smeraldo, collegate da una lunga striscia di sabbia bianchissima quando la marea è bassa. 

logo-defMy Sun Sea, tour operator di Bologna, offre pacchetti per l’isola di Nosy Be nel suo catalogo Mari Lontani. Qui si possono scegliere soluzioni che comprendono soggiorni all’Ambaro Beach Resort di Ambaro Bay, un tre stelle superiore che si affaccia direttamente sulla spiaggia omonima, nel nord ovest dell’isola. Con l’aeroporto a circa 45 minuti di distanza, la struttura, a gestione italiana, è immersa in un giardino tropicale circondato da campi di pianta da zucchero e offre dodici camere con patio e nove bungalow con terrazza. Un’altra possibilità è alloggiare al quattro stelle Loharano Resort, sempre ad Ambaro Bay. Qui si può scegliere fra dieci spaziose ville che si affacciano sulla grande piscina, per un totale di venti camere con ampie terrazze. La spiaggia è a cento metri, perfettamente raggiungibile. Infine ad Ambohiday si trova l’Amarina Resort, anch’esso quattro stelle. Qui siamo sulla costa nord, non lontano da Andilana. Anche questo complesso è circondato dalla vegetazione con l’ylang ylang che cresce spontaneo. Ad attendere il turista ci sono 58 camere situate in ville a due piani divise in superior e suite, tutte con vista mare. Il resort affaccia direttamente sulla spiaggia riservata e attrezzata, lunga quasi un chilometro. Dall’Italia Nosy Be è raggiungibile in circa dieci ore di volo.

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio