Civita di Bagnoregio, viva la creatività

Civita di Bagnoregio è senza dubbio una delle grandi attrazioni turistiche della Tuscia e del Lazio; uno dei borghi più belli d’Italia, al centro della “Valle dei Calanchi”, visitato ogni anno da oltre 800.000 turisti che rimangono ammaliati dalla sua unicità e dal suo sembrare sospeso. Civita di Bagnoregio è un luogo speciale, collegato alla terra ferma da un lungo ponte. Seppur denominata la “città che muore” – per via della sua fragile natura geomorfologica – è sempre piena di energia, oggi ancora di più, con l’arrivo di tanti creativi che animeranno “Civita in tutti i sensi”, il progetto di sviluppo turistico pensato e gestito da PromoTuscia, vincitore del bando “Atelier Arte, Bellezza e Cultura” indetto dalla Regione Lazio.

Un calendario davvero ricco, lungo un anno, tra eventi e laboratori creativi gratuiti che avranno luogo proprio a Civita, nel rinascimentale Palazzo Alemanni – Mazzocchi, andando così ad ampliare ulteriormente l’offerta turistica studiata ad hoc per chi decide di venire qui e godersi appieno le eccellenze culturali, artistiche ed enogastronomiche.

Il mese di maggio (4-5 / 16-17 / 31-1) è dedicato alla scrittura, per raccontare il territorio, le realtà dimenticate, i borghi più suggestivi – e i personaggi mitici dei villaggi della Tuscia. Un viaggio alla riscoperta del Genius Loci, delle tradizioni dimenticate e delle culture ai margini. E non mancano nemmeno le escursioni con guide turistiche, gli incontri con artigiani e personaggi del posto per vivere in profondità il territorio. Il corso, che si tiene in due giornate e sarà ripetuto in tre date diverse per 8 ore complessive, è a cura di Emiliano Macchioni insieme ai Civita Writers, un collettivo di persone di ogni età accomunate dalla passione per la scrittura e per il viterbese.

Ma a Civita c’è anche l’occasione per avvicinarsi o approfondire una tecnica di pittura assai complessa ma piena di fascino come quella dell’affresco. Dal 22 al 26 luglio, per cinque ore al giorno, Saskia Hélène Menting conduce i partecipanti ad un viaggio entusiasmante tra teoria (la storia dei pigmenti, l’evoluzione e lo sviluppo del linguaggio visivo dalle “Grotte di Lascaux alla Street Art”) e pratica (la preparazione del rinzaffo, arriccio e tonachino, la levigazione dell’intonaco e la vera e propria pittura sul supporto preparato secondo le modalità tramandate dalla tecnica medievale, utilizzando pigmenti organici e inorganici).

E dopo la pausa estiva, a settembre (7-8 / 28-29) e ottobre (16-17) è la volta di “Piccola Civita”, il laboratorio di scenografia pensato per i più piccoli che si avvicineranno alla tecnica della carta collata guidati da Augusto Terenzi. Attraverso immagini del borgo, foto d’epoca e immagini del web, ogni partecipante può cogliere stimoli e dettagli per realizzare la propria opera. Il risultato sarà una riproduzione tridimensionale di Civita o di un suo scorcio realizzata con l’assemblamento di scatole poi ricoperte con piccoli pezzi di carta di giornale rigorosamente strappati (carta collata) e decorata in modo personale. Il programma si divide in 4 fasi di lavoro: progettuale, manuale, pittorico e decorativo. I corsi saranno l’occasione per trascorrere degli indimenticabili soggiorni a Civita in famiglia o con la scuola.

Civita, che ha ispirato grandi registi e scrittori, sarà lo scenario ideale anche per l’ultimo laboratorio in programma. Nel 2020, a marzo (21-22 / 28-29) e aprile (4-5) si potrà apprendere come narrare un luogo con le immagini, realizzando una sorta di diario del viaggiatore sotto la guida dell’illustratrice Marcella Brancaforte. I partecipanti apprenderanno una metodologia di base per creare uno sketchbook, partendo dalla ricerca iconografica, per arrivare alla conoscenza di una nuova tecnica di rappresentazione analogica.

Non mancherà un’attenzione alle nuove tecnologie digitali sotto la regia di Yuri Perrini: un cortometraggio realizzato con personaggi animati ci condurrà in un tour attraverso giardini, cantine e residenze storiche della Tuscia. A fine agosto, una Civita inedita, impreziosita da un progetto di videomapping renderà ancora più magica la piazza principale e a fine settembre avranno luogo incontri formativi alcuni big del mondo del digitale. Mentre in prossimità del Natale ecco l’arrivo di un “virtual book” per un pubblico di tutte le età.

Ogni appuntamento di “Civita in tutti i sensi” sarà l’occasione ideale per scoprire la provincia di Viterbo, tra ville rinascimentali, necropoli etrusche e centri medievali di grandissimo pregio attraverso le idee e i suggerimenti di viaggio proposti da PromoTuscia.

Per info: https://www.civitaintuttiisensi.com/

Per prenotazioni e suggerimenti di viaggio: PromoTuscia Tel. 0761 304643

Lascia un messaggio