A Modena “Via Emilia Doc Fest”

Via Emilia Doc Fest, il primo festival on-line del cinema documentario dove ogni anno il pubblico della rete e una giuria di esperti selezionano
le migliori opere provenienti da tutta Italia. I film in concorso infatti nella loro diversità e nei loro punti d’incontro si sono dimostrati un fedele ritratto dai colori a tratti toccanti a tratti scioccanti del nostro paese. Un viaggio tra “formati ridotti” e “piccole terre” che porta il documentario ad una nuova
sfaccettatura attraversando campi già solcati da altri ma invadendo anche sentieri non ancora calpestati da nessuno in un cammino che ci porterà a
riscoprire noi stessi e la nostra natura passando per le antiche vie dei pastori con “In pecore pecunie” e “Densamente è spopolata la felicità” o le acque dei pescatori di “I pesci ci guardano”, ai racconti di vita che spuntano tra le foglie d’insalata degli orti di “Ortobello”, passando per la lotta di chi vuole
rivendicare il diritto sulla propria terra in “La Terra dei lupi”, o dal mondo visto da fuori ma vissuto da dentro dei ragazzi del carcere di Genova. È lo sguardo di oggi dei registi italiani, da notare che non sono poche le opere in gara realizzate da registi emiliani o residenti in Emilia, a conferma della vivacità dell’offerta audiovisiva presente nel territorio. I filmati premiati verranno proiettati al Teatro dei Segni di Modena in via S. Giovanni Bosco 150, dove dall’1 al 4 novembre si terrà l’evento. Anche questa edizione si conferma un appuntamento di promozione del cinema documentario di rilevanza nazionale. Quest’anno sono in programma due anteprime nazionali: “Modena, Italia, near Bologna” di Stefano Cattini e “A serious play” di Cristiano Regina e Andrea. Da segnalare anche il progetto “Immagini per ricordare, immagini per ripartire”, una selezione e proiezione di video e filmati per
descrivere il sisma emiliano dello scorso maggio e le sue conseguenze. Ma il terremoto è solo uno dei temi trattati durante la kermesse cinematografica che prevede anche una giornata dedicata al tema della Resistenza con “Il violino di Cervarolo” di Nico Guidetti e Matthias Durchfeld e “Le ragazze di Montefiorino” di Anna Reiter. Sabato 3 novembre si terrà la premiazione con la consegna dei tre premi: premio del pubblico, premio della giuria e premio di cinemaitaliano.info; domenica 4 novembre sarà proiettato il documentario vincitore del premio della giuria, quest’anno composta da: Peter Almond, Carlo A. Bachschmidt, Giovanni Cioni, Daria Menozzi e Anastasia Plazzotta.

Per informazioni www.modenaviaemiliadocfest.it

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio