La casa del popolo della rugiada

{gallery}SpecialeSudafrica/Rustenburg/rustemburggallery{/gallery}

Tappa obbligata è la Rustenburg Nature Reserve, detta anche Kgaswane, al limite occidentale dell’area protetta chiamata Magaliesberg Protected Natural Environment. Nel corso degli anni, la riserva è stata ampliata e oggi copre 4.500 ettari di territorio. Il paesaggio roccioso delle Magaliesberg domina ovunque, tuttavia le profonde gole coperte di vegetazione nascondono anche corsi d’acqua che si riversano tutti in una zona paludosa e ricca di fauna. Ma una visita è d’obbligo anche nella Pilanesberg Game Reserve, a nord, oltre un fiume il cui nome è tutto un programma: Krokodil. Il giro si conclude alla Pienaat Nature Reserve o alla più lontana Madikwe (qui siamo già ai confini con il Botswana), giusto per completare un ideale tour di tre giorni dedicato alla natura. Un altro luogo legato alla storia della regione è la fattoria dove visse Paul Kruger prima di diventare presidente della Repubblica del Transvaal dal 1883 alla fine della Guerra anglo-boera. Oggi il luogo è diventato un museo e si raggiunge con diciotto chilometri di strada verso nordovest sulla R565. E la sera a Rustenburg, stanchi dopo giornate intere dedicate al trekking e all’osservazione della fauna? Semplice: si può girare nel centro cittadino, molto limitato in verità, e fare dentro-fuori dai numerosi pub e ristoranti, o taverns, come li chiamano qui. E ovviamente abbandonarsi alla rigenerante cucina sudafricana tradizionale del nordovest, fatta di proteiche bistecche e di un’infinità di altri piatti mediati dalla tradizione nativa.

{gallery}SpecialeSudafrica/Rustenburg/rustemburgallery2{/gallery}

Mangiare
pereciccolatoPere in crema di cioccolato e noci. Ricetta gustosa e semplicissima. Ingredienti: 2 pere (scegliete il vostro tipo preferito), 100 gr di cioccolato fondente, a pezzi, 100 ml di panna, 2 ml di cardamomo, 2 ml di chiodi di garofano, 5 ml cannella, 50 gr di noci, tipo Pecan, tostate. Preparazione: togliete la buccia alle pere e mettetele in un piatto di portata. A parte, in una padella antiaderente, fate fondere i pezzi di cioccolato fondente con la panna e le spezie a fuoco lento, mescolando continuamente. Versate la vostra crema al cioccolato calda sulle pere e spolverate con le noci tostate.

Lo stadio
Il Royal Bafokeng Stadium è un impianto multiuso e si trova in realtà a Phokeng, a circa dodici chilometri da Rustenburg. Inaugurato nel 1999, la sua costruzione è stata finanziata interamente dalla Royal Bafokeng, una società di investimenti che rappresenta il popolo omonimo e che, terminato l’apartheid, ha ottenuto il diritto al 20% sull’estrazione del platino effettuata sulle sue terre. La capienza dell’impianto è stata portata da 38.000 a 42.000 posti in vista del campionato del mondo 2010. Viene prevalentemente utilizzato per il rugby e sporadicamente anche per atletica e calcio, dal momento che Rustenburg non ha squadre di football. Lo stadio ospiterà cinque partite della prima fase (Messico-Uruguay, Inghilterra-Stati Uniti, Ghana-Australia, Danimarca-Giappone e Nuova Zelanda-Slovacchia) più un ottavo di finale.

Come arrivare
Le porte d’accesso al Paese sono l’aeroporto di Johannesburg e quello di Cape Town. Sul primo volano ben 18 compagnie presenti anche in Italia, fra europee, africane e mediorientali. Città del Capo è invece raggiungibile con sette aviolinee, la maggior parte europee. Per raggiungere le altre città sudafricane si può usufruire dei collegamenti interni della South African Airways o delle ferrovie Shosholoza e Premier Classe.

Foto: © South African Tourism

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

 Sito ufficiale della città di Rustenburg
 Sito ufficiale della Coppa del Mondo

 Info utili sul Sudafrica

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio