A Montréal 40 anni fa il bed-in di John e Yoko

L’iniziativa, la seconda del genere dopo quella che i due fecero poche settimane prima all’Hotel Hilton di Amsterdam, si trasformò in un happening che calamitò l’attenzione dei media di tutto il mondo. Ogni giorno John e Yoko accoglievano, dal loro letto nella suite al Queen Elizabeth, decine di giornalisti e fotografi per lasciarsi immortalare e lanciare messaggi di pace. Il momento clou del bed-in fu il 1° giugno, quando fecero installare nella stanza da letto uno studio mobile di registrazione da cui nacque “Give peace a chance”, la canzone diventata l’inno pacifista di un’intera generazione. Alla registrazione parteciparono, fra gli altri, i guru della controcultura americana Allen Ginsberg e Thimothy Leary, e Petula Clark, tutti riuniti nella suite 1742. Da quel mitico evento, la stanza del Fairmont fu ribattezzata “The John Lennon Suite”, un mausoleo che nel corso degli ultimi quarant’anni ha accolto milioni di ospiti.

E dove ancora oggi, nonostante i restauri occorsi, è testimoniata la magia di quella settimana del ’69 dagli articoli originali e le fotografie incorniciati e appesi alle pareti, insieme anche ai dischi d’oro vinti dalla canzone che qui fu scritta e incisa Give peace a chance. In questi giorni Montréal celebra il 40° anniversario del bed-in for peace di John Lennon e Yoko Ono con la mostra “Imagine” in programma al Musée des Beaux-Arts fino al 21 giugno (www.mmfa.qc.ca) con fotografie inedite, rarità, filmati, dischi e opere d’arte di Ono. Il Fairmont The Queen Elizabeth propone, fino a fine mostra, il pacchetto Imagine, che comprende un pernottamento con colazione in camera, il cd “Give Peace a Chance” e una copia dei testi della canzone. Fairmont Queen Elizabeth, 900 Rene Levesque Blvd. W Montreal, Quebec, tel. 001.514.8613511, www.fairmont.com/queenelizabeth

 

   
0 Condivisioni

Lascia un messaggio