Ryanair, sugli uccelli di Ciampino deciderà il Tar

Non solo: la drastica mossa, ha fatto sapere il portavoce della compagnia, Stephen McNamara, è maturata “poiché l’Enac ha tentato di passare la responsabilità scorrettamente agli operatori dell’aeroporto” di Ciampino. A stretto giro è arrivata tuttavia anche la risposta dell’Enac (nella foto a destra il presidente Vito Riggio – dal sito www.enac-italia.it). L’ente ricorda come sia tenuto a controllare “l’applicazione dei regolamenti e delle circolari da parte di tutti i soggetti attraverso le proprie strutture territoriali e, nella fattispecie, anche attraverso il Bird Strike Committee Italy (Bsci)”. Per ciò che attiene le cause dell’incidente del novembre 2008 l’Enac rimanda invece “a quanto emergerà dall’indagine in corso da parte dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (Ansv), unico organismo titolato alla determinazione dei fattori causali in caso di incidenti e di inconvenienti aeronautici”. La stessa Ansv, il giorno dell’incidente, aveva effettuato i rilievi del caso valutando i danni al velivolo coinvolto, acquisendo le scatole nere e procedendo a sentire i membri dell’equipaggio.

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio