Husky, nati per correre nella notte polare della Finlandia

Nati per correre nella neve e nel freddo. Gli occhi azzurri, il manto setoso e i musetti dolci: gli husky della Lapponia della Finlandia sono davvero irresistibili. Accolgono chi vuole fare il safari in slitta con grande gioia: abbaiano perché non vedono l’ora di partire, di correre e trainare nel paesaggio artico innevato.

Un’escursione con i cani è un modo ideale per scoprire la natura selvaggia dell’Artico e l’inverno del Grande Nord. Ma anche un’emozione che si porta dentro per sempre. I tour sono di diverse tipologie, adatti a tutti, da un paio
d’ore a intere settimane. I gestori delle escursioni danno istruzioni e l’equipaggiamento necessario per affrontare
il freddo sulla slitta prima di partire per l’avventura in totale sicurezza: saranno i cani ad occuparsi di tutto
il resto.

La maggior parte degli organizzatori delle gite con le slitte e gli husky si trovano nella Finlandia del nord,
principalmente in Lapponia. Gli allevamenti di husky ospitano da qualche decina a 400 o 500 cani, anche i dolcissimi cuccioli, pronti a farsi coccolare dai visitatori.

Il mugolio dei cani al momento dei pasti è uno spettacolo a cui merita senz’altro assistere. Ogni mattina, poche ore prima del primo safari della giornata, i cani ricevono una bevanda sostanziosa, perché l’acqua semplice non è nel loro gusto, ma deve avere anche un po ‘di sapore.  Durante il giorno ricevono piccoli spuntini, in modo che abbiano abbastanza energia per l’intera giornata di lavoro. 

In inverno, i cani mangiano anche la neve, che assicura che ottengano abbastanza acqua. Alla sera, vengono nutriti con cibo secco sciolto in acqua, mescolato con un sacco di carne cruda e grassa. Dormono in cucce a coppie, sono sempre tenuti sotto controllo veterinario, lavorano ogni giorno, ma hanno dei turni di riposo. Anche i cani giovani, di circa un anno, vengono portati alle squadre e sono abbinati a veterani esperti e calmi con i quali imparano a conoscere cosa significa essere un cane da slitta.

I safari iniziano a fine novembre, con i primi visitatori, e continuano fino a quando c’è neve, di solito
fino ad aprile. Poi per gli husky iniziano le vacanze estive, dove riposano, corrono liberamente e si godono
il sole. Normalmente gli allevamenti sono aperti ai visitatori anche d’estate, così possono rendersi conto
delle condizioni in cui vivono gli animali. In autunno ricominciano gli allenamenti tra i boschi, prima
della stagione turistica.

Per essere cani da slitta, vanno bene di tutte le taglie, dai capelli corti ai capelli lunghi, dalle orecchie a
sbuffo alle orecchie a punta e dagli occhi marroni agli occhi azzurri. L’importante è che abbiano l’entusiasmo
nel tirare la slitta, siano amichevoli e vadano d’accordo con le persone.

Appena arrivano i clienti abbaiano felici perché sanno che correranno in mezzo alla neve. Di sicuro seducono tutti
con il loro fascino e dolcezza chiunque, ma ci sono persone in Finlandia che hanno cambiato la loro vita per amore dei cani.

Come Pasi Ikonen e sua moglie Anna che hanno abbandonato Londra e un lavoro nella City per il richiamo della natura: si sono stabiliti a Enontekiö, aprendo un allevamento di husky e dedicandosi ai safari. Un po’ come Tinja Myllykangas, la ragazza che sussurra ai cani. La giovane ha lasciato la vita di città per trasferirsi nella parte più settentrionale della Lapponia finlandese insieme ai suoi 40 husky e qualche cavallo: la città più vicina è a quasi 300 km. Tinja ha aperto la sua attività per caso.

“Volevo aiutare i cani che altre persone non potevano più tenere per una ragione o un’altra. I cani da slitta hanno bisogno di fare molto esercizio, e spesso i loro padroni non sono preparati a un lavoro del genere. Qui i cani possono fare quello per cui sono nati: tirare una slitta”, dice Tinja, che organizza le escursioni secondo il volere e le disponibilità temporali dei clienti. “Per molti visitatori un safari di più giorni attraverso i monti è davvero un’esperienza indimenticabile. Sicuramente lo è per me – ogni singola volta”, conclude Tinja.

Per lei, per Pasi e Anna, il lungo inverno non fa paura, anzi, amano “Kaamos”, come i finlandesi chiamano
la notte polare. Anche se il sole non sale sopra l’orizzonte per un paio di mesi, per chi vive qua non è un qualcosa di deprimente, al contrario. Basti pensare alle aurore boreali danzanti in un cielo riempito da una quantità di stelle inimmaginabile per chi vive al sud.

Se d’estate si verifica il fenomeno del sole di mezzanotte, con cieli sempre chiari e notti tutte da vivere, d’inverno accade l’opposto. Soprattutto nelle regioni più a nord della Finlandia, oltre il circolo polare artico, nella stagione invernale il sole non sorge per circa un mese e oltre. Ciò non significa che resti sempre buio, quanto piuttosto che l’alba e il crepuscolo si verificano in corrispondenza con il mezzogiorno.

Ecco, quindi, che prende vita il fenomeno chiamato Kaamos in finlandese, ovvero la notte polare. Per vivere questa meraviglia della natura, il modo migliore è pernottare in un igloo o in uno chalet in vetro. La destinazione che si presta meglio per questa fantastica esperienza è Utsjöki, un villaggio Sámi situato nel punto più settentrionale dell’Unione Europea. Qui la notte polare arriva a durare quasi due mesi.

Proprio in Lapponia recentemente sono state aperte nuove strutture ricettive. Come il Design Hotel Haawe che si trova proprio nel centro di Rovaniemi ed è stato inaugurato a dicembre 2018. Ognuna delle 14 stanze a tema lappone (ruska – foliage, neve, cascate d’acqua, Aurora Boreale) ha una sua storia diversa da raccontare e scoprire.
Il costo della camera doppia, a notte, parte da 180 €.

Un mese prima, invece, è aperto il nuovo Santasport Apartment Hotel, struttura che ha ampliato la già significativa offerta del Santasport Hotel. Con i 40 appartamenti, ognuno dotato anche di sauna privata, e la possibilità di accedere a tutti i servizi dell’adiacente hotel, questo indirizzo si colloca tra i migliori per ospitare famiglie,
anche numerose. Il costo dell’appartamento per 4 persone, a notte, parte da 244 €, colazione compresa.

Infine, perfetti per chi desidera ammirare l’aurora boreale, almeno una volta nella vita, sono gli Arctic Fox Igloos. Venti lussuose cupole di vetro, collocate sulle rive del lago Ranuanjärvi, lontane dal rumore cittadino
e dall’inquinamento luminoso, che promettono una vista impareggiabile sulla natura circostante e sulla volta celeste. Dotati di tutti i comfort, compresa l’immancabile sauna privata, gli igloo costano, a notte, a partire da 489 €, colazione ed emozioni incluse.
Così tra husky, corse in slitta e lo spettacolo dell’aurora boreale, va in scena la meraviglia della natura della Finlandia d’inverno.

Info: www.visitfinland.com
Foto www.visitfinland.com

 

27 Condivisioni

Lascia un messaggio