Finlandia, orsi e husky come migliori amici

Sulo

Sulo e Tinja sono due persone speciali: hanno interamente dedicato alla loro vita agli animali. Nella Finlandia più estrema, al nord, in Lapponia, sono diventati quasi per caso “l’uomo che sussurra agli orsi” e la “ragazza dei cani”. Le loro storie hanno fatto commuovere ed emozionare, attraverso articoli e speciali tv, i connazionali. Tutti in Finlandia amano vivere a contatto con la natura, ma Sulo e Tinja sono davvero unici.

Sulo Karjalainen abita in mezzo alla foresta, in una fattoria sulle rive del lago, a 30 km a sud di Kuusamo, circondato da predatori. Come Juuso, l’orso più grande che Sulo abbia mai allevato: i due si scambiano tenerezze, testa a testa, sono sempre vicini, il gigante lecca il viso in segno
di ringraziamento e affetto all’umano. Un amore enorme, anche perché Sulo ha salvato la vita a Juuso, adottandolo e allevando quando è rimasto orfano da cucciolo, e ad altri orsi.

“La mia casa è diventata un orfanotrofio per predatori quasi per caso. Stavo lavorando su un progetto di ricerca, tramite il quale mi venivano portati orsi che erano diventati orfani a causa di incidenti stradali o della caccia. Io li tenevo qua finché non si rimettevano in sesto, e se non potevano essere riportati a vivere nella foresta, restavano con me”. Come Juuso che è anche il principale protagonista di Predator Centre, la fattoria di Sulo.

Ogni giorno Sulo porta nella foresta di betulle vicino casa da mangiare ai suoi orsi: tantissima frutta e bacche di ogni tipo, di cui gli orsi vanno pazzi, la mette su un tavolo rustico e subito arrivano gli animali a cibarsi, come Tessu, un altro degli adottati che ha un rapporto speciale con il suo salvatore. “È accaduto tutto con naturalezza, e devo dire che è stato molto appagante. Ho sempre fatto in modo che agli animali non mancasse mai niente di cui avessero bisogno per vivere una vita decente. E contemporaneamente si è creato uno speciale legame tra noi”.

L’uomo degli orsi ha trascorso tutta la sua vita a Kuusamo, nella sua fattoria nella foresta. Una regione della Finlandia piena di panorami suggestivi e adatta agli amanti della natura, che possono scoprire anche gli altri animali che popolano i boschi: alci, renne, lupi. Sopratutto l’estate è magica, come garantisce Sulo che adora la luce del sole per 24 ore e dice che se dovesse vivere in una città, e non più nella natura, morirebbe di sicuro.

Un po’ come è successo a Tinja Myllykangas, che ha mollato lavoro e vita cittadina per trasferirsi in un cottage disperso nel nulla, vicino al colle Muotkatunturi, nella Finlandia settentrionale.
A trecento chilometri dalla città più vicina, non ha né elettricità né acqua corrente e per cucinare usa una stufa a legna, oppure un fuoco all’aperto. “E’ esattamente lo stile di vita che mi sono scelta. Vivere completamente immersa nella natura mi dà così tanta energia e gioia che non ho veramente nessun bisogno materiale”, dice la giovane, che ha trasformato la sua dimora in un’azienda per safari con le slitte trainate dai cani.

Sono proprio loro, quaranta husky dagli occhi celesti, i suoi unici e migliori amici. “Ho vissuto con gli animali sin da quando ero piccola, ma la mia attività di safari è iniziata quasi per caso. Volevo aiutare i cani che altre persone non potevano più tenere per una ragione o un’altra. I cani da slitta hanno bisogno di fare molto esercizio, e spesso i loro padroni non sono preparati a un lavoro del genere. Qui i cani possono fare quello per cui sono nati: tirare una slitta”, racconta Tinja.

A conferma delle sue parole, gli husky abbaino contenti quando vedono arrivare le persone intenzionate ad andare sulle slitte: sanno che inizierà il loro divertimento preferito e tutti vogliono partire. Tinja è estremamente flessibile nel pianificare i safari: tutto può essere programmato in funzione del cliente, senza alcun problema. “I miei safari durano tanto quanto i miei clienti desiderano. Per molti visitatori un safari di più giorni attraverso i monti è davvero un’esperienza indimenticabile. Sicuramente lo è per me, ogni singola volta”.

Oltre ai cani, la giovane possiede alcuni cavalli norvegesi della razza Fjord e cavalli islandesi, perfetti per il terreno roccioso dei monti lapponi. Con loro, organizza i safari soprattutto d’autunno, quando è meraviglioso immergersi nei colori della foresta e della natura in groppa ad un cavallo. Anche se Tinja ha un debole per il lungo inverno lappone. “Adoro l’inverno. Più fa freddo, più mi sento piena d’energia. L’oscurità non è poi male; anche durante la notte polare,
il periodo che noi chiamiamo “kaamos”, è tutto fuorché buio: la luce della luna e delle stelle risplende sulla neve, rendendo tutto luminoso”.
L’importante per Tinja con i suoi cani, così come per Sulo e i suoi orsi, è vivere immersa nella splendida natura della Finlandia del nord.

Foto e info: www.visitfinland.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio