Record culinario per Copenaghen

Copenaghen, ormai mecca globale per la cucina, sta offrendo esperienze culinarie tra le più in voga al momento e quest’anno i ristoranti hanno raggiunto il record di stelle Michelin, mantenendo perciò la prima posizione in Scandinavia. La quattrodicesima edizione della guida Michelin ha premiato i ristoranti a Copenaghen con un totale di 17 stelle divise su 15 ristoranti, con 3 nuovi ingressi. Noma e Geranium si confermano il top della capitale con 2 stelle ciascuno. Il ristorante Marchal all’interno del Hotel d’Angleterre riaperto la scorsa primavera dopo 2 anni di ristrutturazione completa, grazie alla guida dello chef Ronny Emborg ha guadagnato una stella Michelin. Altra new entry della guida francese il ristorante Clou dei fratelli Jonathan e Alexander Berntsen, che mette in primo piano la semplicità sia nelle decorazioni del locale sia nei piatti serviti. Qui l’atmosfera è informale, ma anche di lusso nella piccola stanza che contiene anche un enorme wine cooler nel mezzo. Terza novità della guida la stella aggiudicata dal nuovo ristorante Studio all’interno del complesso gastromusicale The Standard aperto lo scorso ottobre. Il ristorante Studio è ispirato ai paesaggi danesi e internazionali e crea piatti che rappresentano la nostra natura. Qui ci si può aspettare di assaggiare qualcosa che non hai assaggiato prima, e il cibo è preparato in una cucina aperta nel ristorante.
Lista completa dei ristoranti stellati Michelin a Copenaghen:
2 stelle: Noma e Geranium 
1 stella: Grønbech & Churchill, Relæ, Den Røde Cottage, AOC, Kokkeriet, Era Ora, Formel B, Kiin Kiin, Søllerød Kro, Kadeau, Clou (2014), Studio (2014) e Marchal (2014).
Bib Gourmand 
La Guida Michelin però, non premia soltanto con le stelle: c’è anche il Bib Gourmand, un’ulteriore categoria di riconoscimento per grandi ristoranti più accessibili e con un ottimo rapporto qualità prezzo. Nel 2014 ai ristoranti di Copenaghen sono stati riconosciuti ben 12 Bib Gourmand.
Alcuni dei ristoranti hanno degli chef che provengono dal Noma, come il sommelier Anders Selmer, che ha aperto il Kødbyens Fiskebar nella zona del meat packing district. Lì si mangiano piatti di pesce moderni in un ambiente funky. Un altro esempio: gli chef dietro Restaurant Bror, Victor Wågman dalla Svezia e Samuel Nutty del Regno Unito, presentano le loro radici Noma attraverso un menu pulito ricco di verdure fresche di stagione e fiori commestibili. Tutti i ristoranti Bib Gourmand: Marv & Ben, Orangeriet, Enomania, Mêlée, Søren K, Famo, Frederiks Have, Kødbyens Fiskebar, L’Altro, Rebel (2014), Bror (2014 e Pluto (2014).

Per informazioni www.viisitdenmark.com

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio