Cortina nel cinema, itinerari per scoprire i set famosi

Sylvester Stallone sull’impressionante ponte sospeso, James Bond in versione Roger Moore a caccia di intrighi sugli sci, Marcello Mastroianni innamorato, Christian De Sica alle prese con le risate natalizie.

Cortina nel cinema si adegua a tutti i generi, da quelli adrenalinici a quelli più romantici, includendo i cinepanettoni. Location perfetta per i film con la sua natura incontaminata e le Dolomiti, anche attraverso le pellicole è diventata una meta amata dai vip: Sophia Loren, Brigitte Bardot, Clark Gable, Ingrid Bergman alla ricerca di un po’ di relax sulla neve.

Facile allora seguire le orme degli attori e scoprire Cortina nel cinema in cinque avvincenti itinerari con un progetto nato dalla collaborazione tra Cortina Marketing e l’Università di Padova per  promuovere un “turismo cinematografico” all’ombra delle Dolomiti. Un modo nuovo per scoprire aspetti inediti del territorio, vivendo le magiche suggestioni della settima arte.

Romantico, Olimpico e i nuovi Adrenalina, Glamour e Cortina e il Natale: ecco i cinque percorsi
per visitare i luoghi immortalati di Cortina nel cinema.

Sicuramente l’itinerario Adrenalina è quello più avvincente, dedicato agli avventurosi. Le imponenti Dolomiti, i fitti boschi montani, le numerose piste da sci e le storiche strutture olimpiche sono state usate come location privilegiata per Cortina nel cinema.

Come “Cliffhanger” del 1993 con Sylvester Stallone in scene a fiato sospeso ambientate per finzione sulle Montagne Rocciose, ma in realtà girate tra i picchi delle Dolomiti. Stallone interpreta uno scalatore e soccorritore sulle tracce di una banda di criminali e scala ripidi pareti di roccia, quando in realtà furono usati come controfigure scalatori professionisti.

Una delle location più emozionanti del film è l’impressionante ponte sospeso, lungo la via ferrata Ivano Dibona nel gruppo del Cristallo: nel 1992 fu realmente fatto saltare in aria per esigenze di copione e successivamente ricostruito.

Il film, poi, ha le scene finali girate vicino al Rifugio Lagazuoi, come si può capire dalle montagne visibili in alcune inquadrature, quali la Tofana di Rozes e il l’Antelao.

Lo stesso Rifugio si trova in un’altra pellicola della Cortina nel cinema: il remake di “Point Break” del 2016, che ha visto girare le scene di sport estremi anche al Passo Falzarego.

Anche James Bond, in versione Roger Moore, appare in “Solo per i tuoi occhi” in giro per la Cortina nel cinema. Qui il borgo è utilizzato sia per l’anima glamour, che ben si addice a 007, e sia per le attrazioni sportive adatte a una missione segreta: l’Hotel Miramonti, il Bar Cima Tofana in alta quota, Corso Italia e lo Stadio del Ghiaccio sono l’ambientazione di incontri tra spie e scambi di informazioni, e in alcuni casi di subitanei e fulminei attacchi a Bond da parte dei nemici.

L’aspetto più mondano, così legato a Bond, viene fuori nell’itinerario Glamour per scoprire Cortina nel cinema. Molti vip, come Sophia Loren, ospite nel 1956 come madrina dei primi Giochi Olimpici d’Italia, e Brigitte Bardot, che trascorse alcuni giorni di relax nella Regina delle Dolomiti in occasione di un servizio fotografico in esclusiva, hanno apprezzato alcune delle tante attività invernali offerte da Cortina, come il curling e il pattinaggio su ghiaccio,
senza rinunciare alla buona cucina e ai negozi di alta moda in Corso Italia.

Spesso e volentieri gli itinerari di Cortina nel cinema si intersecano tra loro, del resto qui sono stati girati ben 70 film di ogni genere. Ad esempio il percorso dedicato ai film d’amore vede una curiosità: nel borgo ampezzano nacque la storia tra Marcello Mastroianni e Faye Dunaway, protagonisti sullo schermo di “Amanti”, regia di Vittorio De Sica, mentre giravano le scene nel centro storico. Qualche anno dopo arrivò Liz Taylor per “Mercoledì delle Ceneri” e negli anni Ottanta Michelle Pfiffer per la favola avventurosa di “LadyHawke”.

L’itinerario Olimpico è ideale per attendere i Mondiali di sci alpino del 2021 e i Giochi Olimpici del 2026, che la Regina delle Dolomiti ospiterà insieme a Milano. Un percorso alla scoperta del passato olimpico di Cortina ancora insieme a James Bond-Roger Moore.

Infine, la classica commedia di Natale che è parte integrante di Cortina nel cinema. Oltre al celebre “Vacanze di Natale” di Carlo Vanzina, il capostipite dei cinepanettoni con Christian De Sica, esiste un predecessore ambientato tra le nevi ampezzane: “Vacanze d’inverno” del 1959 e interpretato, fra gli altri, da Alberto Sordi e Vittorio De Sica.

Dal primo lungometraggio di Luis Trenker e Karl Hartl, “Montagne in fiamme” del 1931, Cortina nel cinema è sempre stata presente, occupando un ruolo importante come location e set, che oggi diventa anche un aspetto inedito da scoprire visitando il celebre borgo delle Dolomiti.

Info www.dolomiti.org/it/cortina/cortina-e-il-cinema

Foto di www.dolomiti.org

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/italia/val-di-zoldo-borghi-e-storie-delle-dolomiti.html
https://www.latitudinex.com/europa/americhe/philadelphia-nel-cinema-location-ideale-per-tutti-i-generi.html

8 Condivisioni

Lascia un messaggio