Bressanone d’inverno, caccia alle emozioni

La neve avvolge col suo manto candido Bressanone d’inverno e le cime circostanti, portando ovunque un senso di quiete. È il periodo più magico dell’anno, quando altoatesini e ospiti si godono l’atmosfera dell’antica città vescovile.

A Bressanone d’inverno i pendii imbiancati e una fitta rete di piste e percorsi escursionistici offrono condizioni ideali per gli appassionati di slittino, sci alpinismo, sci di fondo e tour con le ciaspole.

In realtà, Brixen o Bressanone è in grado di far fare ai suoi visitatori un’esperienza culturale immersi nella natura in tutte le stagioni.
Ma Bressanone d’inverno regala anche altre emozioni che arricchiscono l’anima
e portano benessere di ogni genere.

Tra queste c’è l’esperienza di fotografare il paesaggio invernale, che diventa un quadro unico e indimenticabile. Quando la neve ricopre tutto il panorama come una coltre bianca, gli oggetti assumono un nuovo significato. Un albero, una staccionata, una baita, che sarebbero solo un elemento periferico in un prato estivo, nella neve appaiono come isolati dall’ambiente circostante e possono così creare un forte effetto fotografico.
Alla casetta panoramica all’inizio del WoodyWalk sulla Plose, una finestra di legno incornicia le Odle: uno scatto imperdibile per gli amanti della fotografia e della natura.

Poi a Bressanone d’inverno si può andare a scoprire meglio il centro storico in cerca di dettagli a volte trascurati. Sulle tracce degli affreschi medievali si trova anche una creatura mitica mai vista, un cavallo snello con una proboscide di elefante arrotolata a tromba, sul dorso una torre da battaglia in legno con cavalieri di ferro.

Le magnifiche mura storiche incontrano le nuove opere architettoniche. Il Duomo
con il chiostro, la nuova e moderna biblioteca civica, l’Hofburg, che da quest’anno apre le sue porte anche in inverno, la Vertikale e altri tesori della città vescovile possono essere facilmente esplorati da soli. In alternativa, guide esperte mostreranno gli angoli più belli della città in un classico tour del centro storico o in un tour storico teatrale.

Per gli appassionati di sci, la Plose, a soli 7 km dalla città, è considerata
uno dei comprensori sciistici più soleggiati dell’Alto Adige e ha molto da offrire. Le ampie piste perfettamente battute e di tutti i livelli di difficoltà,
per la maggior parte al di sopra del limite degli alberi, offrono una vera esperienza sciistica e una sensazione di spazio e libertà.

La fantastica vista sulle Dolomiti dai pendii soleggiati della Plose rende una giornata di sci un’esperienza speciale. Il momento in cui finalmente ci si trova sulle piste, il sole che splende, la neve che luccica e scrocchia sotto gli sci, è semplicemente impagabile.

Inoltre, a Bressanone d’inverno si può ridurre lo stress e raccogliere le forze
durante un’escursione. Con gli scarponi da trekking sui sentieri segnalati o con le racchette da neve quando la neve è profonda e fresca, i sentieri percorsi in estate possono essere riscoperti e assumere un’atmosfera magica grazie alla neve.
Bastano pochi fiocchi di neve per cambiare completamente un paesaggio familiare e dare alla natura un’atmosfera selvaggia, incantata e avventurosa.

Il giovedì fino al 16 marzo, la guida alpina Max Röck vi accompagna lungo gli splendidi paesaggi di Bressanone d’inverno. Si può prenotare l’escursione guidata con le ciaspole presso l’ufficio del turismo. In nessun altro periodo dell’anno il silenzio è più tangibile e grazie alla totale assenza di rumori ci si può concentrare completamente sulla neve scintillante, sulle cime bianche delle montagne e su sé stessi.

Ancora natura a Bressanone d’inverno, godendosi il sole e facendo il pieno
di vitamina D. Aria frizzante, cielo azzurro intenso, luce meravigliosa ci sono solo in inverno. Sui pendii soleggiati della Plose si scia sempre al sole, anche nelle brevi giornate (solo la pista Trametsch è esposto a ovest). Su nessuna spiaggia al mondo è così rilassante come in una sedia a sdraio a 2000 metri di altitudine con i caldi raggi del sole sul viso.

I più sportivi, a Bressanone d’inverno, possono sfrecciare su una delle piste da sci più lunghe dell’Alto Adige: con i suoi nove chilometri di pista e i 1400 metri di dislivello, la Trametsch in combinazione con la pista Plose è una delle piste più lunghe del Sudtirolo. Il punto di partenza è il rifugio Plose a 2.446 metri sul livello del mare.

Non è solo la lunghezza del pendio che è impressionante, ma anche la vista
nella parte superiore. Prima che la pista Plose blu si unisca a quello nero della Trametsch, le cime delle Odle, uno dei gruppi dolomitici più belli, sono un compagno costante. Nella parte superiore la pista è ampia. Da Valcroce in poi,
l’azione diventa più veloce e i quadricipiti sono davvero messi alla prova in brevi sezioni ripide fino alla fine. Decisamente non per principianti: la pista Trametsch nel comprensorio sciistico della Plose ha una pendenza del 60 per cento nel punto più ripido.

Dopo tanto sci, a Bressanone d’inverno ci si può immergere nelle prelibatezze dell’Alto Adige: zuppa di vino, canederli di cirmolo o qualcosa di dolce? I ristoranti, le locande della città e i rifugi in montagna sono aperti e aspettano
con specialità altoatesine, ma soprattutto con molto calore. Se si vuole vivere la montagna di sera, tutti i venerdì fino al 3 marzo il ristorante Plose La Finestra propone momenti di piacere culinari “Dine&Snow Plose” (corsa in cabinovia gratuita alle 18.30-19.00, 20.30-21.00 e 22.30-23.00). Anche alla Malga Rossalm si possono vivere serate conviviali al “Dine&Snow Plose” in tre date, ovvero il 6 gennaio, il 3 febbraio e il 3 marzo.

Tutte queste specialità culinarie si possono assaggiare degustando il vino della Valle Isarco. I numerosi vitigni intorno a Bressanone danno un’idea dell‘importanza del vino in questa regione.

Le aziende vinicole specializzate mettono in evidenza gli eccellenti vini bianchi nella regione più settentrionale d’Italia. A Bressanone e dintorni, su 400 ettari di terreno vengono coltivate 14 varietà di uva: il 90% di questi sono vini bianchi, il 10% è destinato alla coltivazione di varietà di vino rosso. Questa cultura del vino ha le sue origini nelle cantine dell’abbazia canonica di Novacella e risale al 1142. Proprio come la gente di qui, il vino è profondamente radicato con la terra, eppure, è caratterizzato da una nota fruttata, minerale e leggera.

Inoltre, a Bressanone d’inverno ci si può concedere il piacere dello shopping con i prodotti regionali. Verdure fresche, vini autoctoni, insaccati pregiati, specialità casearie saporite: qualità e cicli economici regionali passano ogni giorno sul bancone. Tra i negozi tradizionali, le moderne boutique, le piccole gastronomie e alcuni angoli nascosti sotto i portici del centro storico, si ha Un’offerta completa per i buongustai e amanti della moda. Senza dimenticare i mercati settimanali che offrono altre bontà a chilometro zero e grande varietà.

Per i bambini di età e per quelli che si sono ancora tali, a Bressanone d’inverno
ci si può divertire con lo slittino. Le escursioni alla malga Rossalm e alla malga Ackerboden offrono un’ottima esperienza di slittino ed escursionistica.
E qui, ci si potrà fermare per una pausa nei confortevoli rifugi, godendo
di una magnifica vista. Ci sono possibilità di slittare anche altrove nei dintorni di Bressanone: a Varna c’è la pista naturale di Spelonca con 4,5 km di tracciato di media difficoltà. È perfetta per tutti coloro che vogliono trascorrere un po’ di tempo nella natura lontano dal trambusto e divertirsi scendendo sullo slittino.

Infine, se non si è stanchi, a Bressanone d’inverno ci si può dedicare a nuoto,
nuoto, arrampicata e wellness. L’Acquarena è un parco acquatico che ha stabilito
nuovi standard in Alto Adige e negli ultimi anni ha trovato molte imitazioni.
La zona delle piscine coperte comprende vasche con giochi e vortice, uno scivolo a spirale, docce massaggianti, lettini idromassaggio, la vasca per i bambini con grotte riscaldate e scivolo, la vasca sportiva, la vasca con acqua salina, idromassaggi, cabina a raggi infrarossi, angolo per il picnic e sala relax. Una grande area è riservata al reparto benessere, con saune finlandesi esterne e interne, bagno turco, biosauna al pino cembro, sauna alle erbe e salionarium.
Gli appassionati di arrampicata possono godere di 224 vie e 210 percorsi boulder
nella Vertikale, la palestra di roccia iper moderna, dove l’élite internazionale
dell’arrampicata tornerà a giugno per la World Boulder Cup.

Con tutte queste possibilità, a Bressanone d’inverno si va a caccia di emozioni
ed esperienze uniche.

Info: www.brixen.org
Foto © Brixen Tourismus_Manuel Kottersteger, ©KOTTERSTEGER, © Brixen Tourismus_Christian Platzer, © Brixen Tourismus_Mauro Parmesani, © Brixen Tourismus_Siegfried Tasser, © Brixen Tourismus_Helmuth Rier, © Brixen Tourismus_Helmut Moling, gentilmente concesse da Brixen Tourismus a corredo dell’articolo

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/italia/bressanone-vivacita-natura.html
https://www.latitudinex.com/italia/abbazia-di-novacella-vigneti.html

0 Condivisioni

Lascia un messaggio