Bardonecchia a tutta avventura

 

{gallery}/bardonecchia/bardonecchiagallery1:190:150{/gallery}
I giochi sospesi sono numerosi: liane di Tarzan, ponte dei cacciatori, ponte tibetano, scala a pappagallo, tirolese, trappola sospesa sono solo alcune delle prove che mettono a dura resistenza equilibrio, capacità di concentrazione, coordinazione e doti fisiche, e si devono superare per portare a termine il percorso. Allestito in un bosco di larice, alle pendici del Monte Colomion, il parco è stato realizzato a bassissimo impantto ambientale, rispettando la flora e la fauna presenti. Ideale per passare una giornata sospesi nel verde, è il caso di dirlo, lontano dalla città e nel silenzio della natura. Si possono tentare tre diversi percorsi con difficoltà variabili da semplice a impegnativo, da quelle più adatte anche ai bambini a quelle più avventurose interamente sugli alberi. Bardonecchia è anche famosa per il Bike Park, punto di riferimento per tutti gli appassionati di mountain bike per l’ampia scelta di sentieri segnalati e attrezzati.  Il parco offre ben 400 km di sentieri, compresi tra i 1300 e 3009 metri, serviti direttamente dagli impianti di risalita, bar e ristoranti in quota, rifugi. Anche qui ci sono percorsi diversi a seconda dall’abilità di chi li intraprende: Cross Country, con poco dislivello e passaggi nei punti panoramici, Free Ride, emozionanti discese e punti con passarelle in legno, Downhill, adatto agli amantid ella velocità con passaggi tecnici su paraboliche e salti per discese mozzafiato, e Junior Park, due percorsi attrezzati su dossi e paraboliche appositamente creati per far divertire i più piccoli in sicurezza. E per finire, la grande stagione della bici ha la sua festa il 7 e l’8 settembre con la Bardonecchia Freeride Marathon, una gara emozionante di discesa, alla quinta edizione, con partenza a 2300 metri di quota e mille metri di dislivello da percorrere. Verranno premiati i primi tre assoluti e i primi tre di categoria (maschile e femminile).  Previsto anche uno premio speciale  per il gruppo più numeroso, il biker che arriva da più lontano e quello più caratteristico per abbigliamento e colori. Inoltre, saranno  allestiti gli stand espositivi con test bici e materiali. Ovviamente sia il Bike Park che l’Adventure sono immersi nella splendida natura della località piemontese, che sorge in una conca tra monti. A causa della sua posizione  geografica, un tempo tagliata fuori dalle grandi vie di comunicazione del passato, Bardonecchia ha avuto una storia a sè rispetto al resto della valle, con un proprio sviluppo artistico, artigianale e gastronomico. Un breve giro in centro al borgo è d’obbligo per visitare  la chiesa parrocchiale di Sant’Ippolito e la Tour d’Amoun, parte di uno dei castelli signorili dei feudatari del paese, la famiglia  De Bardonisca, e il Museo Civico. Ospitato in un edificio ottocentesco, antica sede della casa comunale, accoglie, su due piani, le testimonianze della cultura materiale del vecchio paese: è uno spaccato della vita e della cultura della gente di montagna, legata all’agricolutura e alla pastorizia, prima dell’avvento del turismo. All’interno del museo arredi ed attrezzi legati alla vita quotidiana e soprattutto i preziosi pizzi realizzati a tombolo, lavorazione introdotta in Alta Valle Susa nel XVII secolo. Altre caratteristiche da scoprire a Bardonecchia sono le meridiane, usate per oltre due secoli come orologi solari, e oggi sono esempi di quell’arte minore della pittura muraria che era diffusa lungo tutto l’arco alpino. Giusto un’infarinatura di costume locale tra un percorso avventura e l’altro per i monti circostanti.
{gallery}/bardonecchia/bardonecchiagallery2:190:150{/gallery}

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
A piedi tra le nuvole del Gran Paradiso

Foto di www.bardonecchiaski.com

0 Condivisioni

Lascia un messaggio