Monaco di Baviera, l’atmosfera calda del Natale

L’enorme albero sulla Marienplatz è atteso ogni anno con grande amore, così come il Chrismarket ai suoi piedi che diventa un tripudio di luci e profumi. Monaco di Baviera risplende di un’atmosfera di gioia per il Natale e i suoi mercatini sono una delle tradizioni più seguite della Germania.

San Nicola si aggira tra la folla dello shopping nella pedonale Kaufingerstrasse. Si fa largo trascinando una slitta carica di mele e altri frutti, ogni tanto si ferma in qualche stand e coccola qualche bambino. Babbo Natale- San Nicola è solo una delle tante figure che rendono accogliente questo periodo dell’anno: si muove per il Chrismarket, che dai primi dell’Ottocento si svolge in centro e che nel 1972, quando a Monaco si istituì la zona pedonale, fu allestito definitivamente nel cuore della città.

Oggi le bancarelle natalizie occupano 20 mila metri quadrati e praticamente tutto il centro storico della capitale bavarese. All’ombra delle antiche chiese e del grande Municipio, nelle piazze e nelle vie, di fronte ai negozi moderni, rallegrano con le loro luci e con i profumi di vin brulè e castagne arrosto gli abitanti e i visitatori, dal 27 novembre fino al 24 dicembre 2018.

Sembra un’infinita distesa di stand, ma ogni gruppo ha la sua caratteristica. Come il Krippelmarkt, il mercatino del Presepe, nella Neuhauser Strasse, sotto la protezione della statua di San Michele, che guarda dall’alto dalla facciata della omonima chiesa. Forse questo è il mercato più antico che racconta l’antica tradizione del presepe e sicuramente è il più grande del genere in Germania.

Qui si vende tutto quello che serve per ricreare la Natività nella propria casa: i personaggi principali e quelli secondari, le casette, la paglia per la stalla, le lanterne, la stella cometa, i doni dei Re Magi. E tanti angioletti, di ogni forma e colore, dall’aspetto contemporaneo o più consueto.

Tra le bancarelle lungo le vie centrali non mancano quelle dedicate al cibo: si possono gustare i tipici dolci natalizi, come una sorta di cialde appena sfornate e ricoperte di ciliegie e panna, le mandorle e altri tipi di frutta secca ricoperti di zucchero, le mele al forno con cannella, lo Stollen, una specie di panettone con pasta di patate, mandorle e tonnellate di burro, i Lebkuchen, biscotti speziati. Il tutto annaffiato dal punch e dal Glühwein caldo, fatto con vino rosso, te, arancio, limone, zucchero, e aromi vari.

Non mancano le prelibatezze salate: accanto ai soliti wurstel con senape, al salmone affumicato con legno di faggio
e agli gnocchi con crauti, si possono scoprire i deliziosi Rahm-Schmankerl, una pane-pizza di segale ricoperto da pancetta, panna acida e erba cipollina.

Arrivati alla grande piazza Marienplatz si incontra l’orgoglio cittadino: l’enorme albero di trenta metri, proveniente di volta in volta da un diverso villaggio bavarese, con 2500 candeline illuminate. Ai suoi piedi un vero e proprio villaggio natalizio, pieno zeppo di stand di ogni genere di addobbi.

Qui il monumentale Nuovo Municipio si offre bene alla tradizione natalizia: al suo interno viene allestito il “Laboratorio celeste” dove i bambini possono giocare, preparare dolci e fare bricolage, sulla balconata tutti i giorni dalle 17.30 alle 18 cantanti e musicisti eseguono musica tradizionale bavarese e cori natalizi, nel cortile si trova l’Ufficio Postale del mercatino, dove si possono consegnare liste di regali e lettere con il timbro di Babbo Natale.

Poco lontano, nella “Sterneplatz”, la piazza delle stelle del Rindermarkt, le bancarelle espongono artigianato tradizionale e prelibatezze culinarie, mentre una giostra d’epoca è dedicata a tutti i bambini. Ma Monaco in versione natalizia non finisce qui: il 23 dicembre 2018 si replica la sfilata dei Krampus, (la prima c’è stata il 9 dicembre).

Sono trecento maschere arcaiche dall’aspetto terrificante, ma innocue, girano spaventando i passanti con i loro costumi pelosi arruffati e riprenderebbero le figure mitologiche-cristiane del vescovo San Nicola e del suo aiutante Krampus e fanno apparizioni a sorpresa nei vari mercatini.

Inoltre un storico tram addobbato fa il giro della città durante l’Avvento, i cori natalizi si alternano
nelle varie piazze per tutto il periodo, una vasta pista di pattinaggio sul ghiaccio attende bambini e adulti, il mercatino medievale Wittelsbacher Platz, vicino ad Odeonsplatz, propone saltimbanchi, cantastorie e mangiatori di fuoco mentre quello nel palazzo Residenz, l’antica sede dei duchi e poi re di Baviera, espone articoli più eleganti.

Lo scintillante Pink Christmas sulla piazza Stephansplatz è il ritrovo di gay e si trovano molti oggetti curiosi, mentre Schwabing, il quartiere degli artisti da oltre 1.200 anni, ospita un mercatino di Natale in cui artisti e artigiani presentano splendidi lavori. Chi preferisce stare a contatto con la natura potrà visitare il mercatino di Natale nella torre cinese del Giardino Inglese.

Per non perdere nulla della città addobbata a festa, l’ufficio del turismo organizza visite guidate ai mercatini offrendo informazioni sulla cultura, la storia e la cucina per “Dal Kletznbrot al Fatschnkindl” e con degustazioni per “Mela al forno, Fatschnkindl e storie”: info e prenotazioni al tourismus.guide@muenchen.de o tel +49(0)89233-30234. Il tutto nella atmosfera calda e gioiosa che è capace di donare Monaco.

Info www.muenchen.de
www.germany.travel

Foto di Sonia Anselmo e www.muenchen.de

21 Condivisioni

Lascia un messaggio