Lucerna, un dolce pensiero sul Lago dei Quattro Cantoni

Passeggiate semplicemente per le vie della città vecchia lasciandovi trasportate dall’emozione e scoprirete sensazioni, emozioni e suggestioni che svelano Lucerna come una città avvolta da un fascino tutto particolare. Oppure prendete un battello nel molo di fronte alla Torre sull’acqua e salpate godendovi una gita con pranzo a bordo. Scivolando dolcemente potete ammirare panorami stupendi, toccando i piccoli paesini che punteggiano le rive del lago.
Ma attenzione, chi pensa che la città sia tropo piccola e sonnolenta si sbaglia di grosso. Provate a visitarla nei giorni del carnevale. Il giovedì grasso le strade traboccano di personaggi e la gioia della festa si fa sentire in tutta la sua bellezza, fino al mercoledì delle ceneri. La città sembra esplodere tanto da ricordare, nemmeno così vagamente, quel gusto di colori e suoni delle latitudini tropicali tipico del Brasile. O, addirittura, l’America di Chicago con le big band, che qui chiamano Guugenmusig formate da fiati e percussioni che si riversano per le strade suonando e cantando come forsennati.

Mini itinerario alla scoperta della città

Leone Morente: o, come si chiama da queste parti, Löwendenkmal, “il più tragico e commovente pezzo di roccia del mondo”, come lo descrisse lo scrittore americano Mark Twain. Il monumento è scavato nella roccia e ricorda il sacrificio degli eroi svizzeri caduti a Parigi nel 1792 (circa seicento morti) mentre difendevano il Palazzo delle Tuileries dagli insorti, nel corso della Rivoluzione Francese.

 

 

Ponte della cappella: insieme al Leone Morente è il simbolo della città. E’ il ponte più fotografato del mondo e più vecchio d’Europa. Risale alla prima metà del secolo XIV, quando fu costituito quale parte delle fortificazioni cittadine. Ma la sua storia è tristemente segnata da una serie di vicissitudini che hanno intaccato la struttura originale, come l’incendio del 1993 che lo distrusse quasi per intero, lasciando intatta solo una porzione. Per gli abitanti di Lucerna fu una tragedia, quasi da lutto cittadino, ma con un intervento senza precedenti la parte distrutta fu ricostruita il solo 9 mesi. Ancora oggi non è chiaro se l’incendio fu di carattere doloso o se fu solo un incidente. Purtroppo la perdita dei dipinti che narravano la storia della confederazione è stata ingente. Oggi esistono solo una manciata di tele esposti nel museo.

Musei

Il Museo dei Trasporti: è uno dei musei più grandi d’Europa si sviluppa su 40.000 metri quadrati e contiene più di 3.000 oggetti in esposizione, dai treni a vapore alle auto e biciclette d’epoca. In più è presente un planetario che porta il visitatore alla scoperta dello spazio e delle stelle. E un cinema in 3D. L’ingresso è di 24 franchi per gli adulti e di 12 per il target 6 – 16. Per i bambini sotto i 6 è gratuito.

Glacier Garden: situato subito dietro il Leone Morente, è un museo all’aperto che ingloba resti geologici della città risalenti a epoche remote. Il percorso porta il visitatore in un viaggio oltre il tempo dalla spiaggia subtropicale con palme presente 20 milioni di anni fa, fino ai ghiacciai dell’ultima era glaciale di 20.000 anni fa.

Escursioni

Il Monte Rigi, oltre al Pilatus (che si erge di fronte) è uno dei monti più amati dagli abitanti di Lucerna. Si raggiunge prendendo un battello e si può scegliere se scendere a Vitznau (prima ferrovia di montagna europea) dove con un trenino a cremagliera risalirete il crinale godendovi i panorami sul lago oppure dalle funivie di Weggis. Raggiunta la vetta è possibile ammirare un panorama dominato dalle Alpi e dai 13 laghi. In estate offre più di 100 km di sentieri per le passeggiate ed è possibile alloggiare in vetta. D’inverno invece è possibile cimentarsi sulle piste da sci o in piccole passeggiate.   

La nostra scelta

Dormire
La città offre numerose sistemazioni sia in categoria low cost sia di lusso come il nuovissimo Hotel Palace dove è possibile ammirare il lago e prenotare una spa privata al costo di 120 euro a persona per un ora, con sauna, vasca e bagno turco tutti per sé. Per chi vuole azzardare si può invece prenotare una cella al Jailhotel Löwengraben. L’albergo è ricavato in una vecchia prigione e offre ai clienti, al prezzo ci circa 80 euro a camera, la possibilità di dormire all’interno della cella di un carcere con tanto di letti “originali” e porta blindata.

Mangiare
Oltre alla cucina internazionale, ce nè davvero per tutti i gusti, vi conisgliamo di provare i Lozärner Chögelipastetli. Consiste in un cestino di pasta sfoglia contente spezzatino e funghi conditi con la panna. Una delizia, ma se volete cimentarvi in qaulcosa di più “pesante” allora assaggiate l’älplermagronen (maccheroni all’alpigiana), una sorta di pizzocchero in forma leggera, consistente in pasta corta cotta al forno con formaggio patate e un po’ di cipolla da accompagnare con una salsa di mela.

 Clicca qui per vedere la mappa su Google

 Articoli correlati:
Svizzera in generale
La foresta pluviale a… Zurigo
Leukerbad: terme, natura e armonia
Svizzera da scoprire
Crans Montana, voglia di avventura

0 Condivisioni

Lascia un messaggio