Lago Worthersee, un’estate d’avventura, relax e divertimento in Carinzia

L’acqua è talmente trasparente che invita al tuffo. Il lago Worthersee, davanti a Klagenfurt in Carinzia, è una tentazione irresistibile per chi ama nuotare e tutti gli sport acquatici. Ma è anche un’esortazione al relax, con le panchine sul lungolago, i prati verdissimi, le montagne che fanno capolino intorno al perimetro, così come i boschi.

I germani reali scivolano eleganti sulla superficie, le teste dalle sfumature blu e viola diventano cangianti sotto il sole, i pulcini inseguono in fila indiana mamma anatra nel verde, i grossi pesci sono alla ricerca di cibo, il traghetto fa la spola con gli altri borghi, una musica lontana e melodica dal gusto kitsch esce da un locale.

Ogni cosa sembra andare ad una marcia più bassa, piano e sottovoce: i visitatori che si gustano un gelato sotto gli alberi, le famiglie distese sui prati, i bambini che si rincorrono, un signore che sfama gli anatroccoli, un cane che fiuta l’aria, due ragazzi in giacca e cravatta che si arrotolano i pantaloni e mettono i piedi a bagno, alcune signore in bikini sul piccolo pontile del molo del traghetto, un gruppo di turisti asiatici scatta a raffica fotografie. Persino i tanti runner, i biker e i pattinatori sembrano andare al rallentatore.

C’è un’atmosfera rilassata, quasi idilliaca, mentre il sole fa risplendere il lago di verde. Poco più in là il più grande stabilimento d’Europa non da mare è affollato: i tre grossi pontili di legno che si allungano sull’acqua sono più che una tentazione per chi viene qui. Tuffarsi nell’acqua fresca, che d’estate può arrivare anche a 28 gradi, è un’esperienza da fare in Carinzia.

Quest’angolo di Austria, al crocevia di tre culture, tedesca, italiana e slovena, è sinonimo di natura, ma anche di attività da fare all’aria aperta, soprattutto d’estate. E’ il paradiso degli sportivi e delle famiglie, che possono trovare divertimento per tutte le età.

Ad esempio, proprio su un lato del lago più vicino a Klagenfurt sorgono strutture ideali per i bambini: il rettilario e soprattutto Minimundus, il mondo in miniatura. E’ un enorme parco dove sono stati ricostruiti, fedeli nei singoli dettagli, ben 156 modelli in scala 1:25 di monumenti internazionali: il più grande è sicuramente San Pietro del Vaticano e non mancano il castello di Osaka, la statua della Libertà, piazza della Signoria di Firenze, la basilica di San Marco a Venezia, la Torre di Londra, la Tour Eiffel, il Tesoro di Petra.

Camminando tra i piccoli edifici, i ponti e la ferrovia funzionante con i trenini, viene spontaneo fare un gioco su quanti in realtà si siano visti e quanti si vorrebbero visitare. Un divertente parco tematico, i cui proventi
dei biglietti vanno tutti ad un’associazione austriaca che si occupa di bambini in difficoltà. (www.minimundus.at)

Da Minimundus si arriva facilmente alla sponda del lago e ai bagni Strandbad, lo stabilimento costruito nel 1895: spazioso, con le cabine, che i carinziani affittano di anno in anno, costruite come piccole casette bianche, lo spazio giochi per i ragazzi, completo di scivolo, la spiaggia e i pontili che si spingono al largo, sui quali ci
si mette a prendere il sole. Da qui ci si tuffa in splendide acque limpide e verdi, addirittura potabili. (www.visitklagenfurt.at)

Una volta rinfrescati e ritemprati, si può fare una divertente escursione in segway: si noleggiano proprio a due
passi dallo stabilimento sul lungolago, ci sono varie possibilità di tempo e orari, dopo una breve lezione e un
giro di prova, si parte alla scoperta di boschi, luoghi panoramici e del centro di Klagenfurt (www.citytourklagenfurt.at)

Per chi preferisce la bicicletta, che qui viene usata da tutti gli abitanti in qualsiasi momento della giornata e per andare ovunque, ci sono molte alternative. Si può percorrere la pista ciclabile tra campi e borghi lungo il fiume Glan fino al santuario di Maria Saal, lungo circa una quindicina di chilometri, oppure provare un tratto della Ciclovia Alpe Adriam che da Salisburgo attraversa le Alpi fino a giungere a Grado e al mare. Oppure semplicemente passeggiare in bicicletta tra il lago e Klagenfurt. Anche per gli appassionati di mountain bike ci sono parecchie soluzioni: per scoprirle www.touren.kaernten.at

Del resto questo lato della Carinzia è ad alto tasso adrenalinico: qui ci si sfida per una delle più emozionanti
gare di Ironman del mondo, con le tre frazioni di nuoto, ciclismo e corsa. Non mancano, poi, gli sport acquatici, dallo sci al trendy Stand Up Paddling, il trekking e il golf, per giornate estive a tutta energia.

Per chi, invece, preferisce la tranquillità che ispira Klagenfurt ha altrettante possibilità. Oltre a rilassarsi
con le passeggiate a filo d’acqua e ad assaggiare la cucina locale offerta nei ristoranti alla moda, come il Bistro Bar 151 (www.151.at) immersi nel suo originale giardino, si può prendere il battello e andare alla scoperta dei piccoli borghi come Maria Worth, con le sue due chiesette antiche, che i carinziani scelgono per le cerimonie
di nozze, e il bellissimo panorama.

Continuando sul lago, non si può non visitare Pyramidenkogel, la torre di legno più alta del mondo con una forma sinuosa che si dice ricordi le curve di Sophia Loren, almeno secondo le intenzioni degli architetti (www.pyramidenkogel.info). Su questa collina esisteva una torre di calcestruzzo che è stata abbattuta per
creare questo spettacolare esempio, nel 2013, diventato subito meta turistica molto apprezzata.

Si sale fino in cima con un ascensore e da qui si gode una vista meravigliosa di tutto il Worthersee, gli altri quattro laghi vicini, i borghi, gli isolotti immersi in un’acqua che non ha nulla da invidiare ai Caraibi. La discesa, poi, è sempre un’avventura sia che si decida di infilarsi in uno scivolo che arriva a terra in 21 secondi, o che si preferisca una zip line agganciati ad un filo d’acciaio o che si scenda per gli 840 gradini che sembrano sospesi nel vuoto e che danno qualche brivido. Tutto ad alto tasso di adrenalina, in linea con l’aspetto avventuroso del lago Worthersee e di questa parte di Carinzia.

Info: www.visitklagenfurt.at www.carinzia.at, www.austria.info
In collaborazione con www.carinzia.at e www.visitklagenfurt.at
Foto di www.carinzia.at e Sonia Anselmo

0 Condivisioni

Lascia un messaggio