La foresta pluviale a… Zurigo

Un’iniziativa voluta dal giardino zoologico, che in collaborazione con le autorità della vera foresta malgascia, vuole portare l’attenzione del pubblico sui danni che l’uomo provoca alla natura: il 90% degli habitat naturali del Madagascar sono stati distrutti per fare spazio ai campi agricoli e all’allevamento del bestiame. Un grande problema per la flora e la fauna locali, che rischiano di scomparire del tutto se non si mettono in atto dei progetti mirati. Per capire quanto sia importante proteggere questo polmone verde lo zoo di Zurigo invita i visitatori a camminarci dentro: grazie alla fedele riproduzione della foresta pluviale, in un capannone di 11.000 mq si può passeggiare tra felci, mangrovie e palme, ascoltare il rumore degli animali che ci vivono e osservarli da vicino, liberi di muoversi e di avvicinarsi alle persone.

Lemuri, ibis, camaleonti, gechi, tartarughe giganti e tante varietà di uccelli sono così vicini che sembra davvero di trovarsi nella giungla. Per permettere la sopravvivenza di questo immenso giardino tropicale sono state ricreate le condizioni climatiche adeguate, con temperature che variano tra i 20° e i 30° gradi e un tasso di umidità dell’80%. Il padiglione che ospita il Masoala può essere affittato anche privatamente per cerimonie, banchetti di nozze e cene aziendali. Parte dei proventi vengono destinati alla preservazione della foresta malgascia, e cercare così di impedire che molte specie animali e vegetali rischino l’estinzione.  A parte lo zoo, la città di Zurigo richiama molto turismo italiano grazie alla facilità con cui può essere raggiunta dalle regioni del nord.

I collegamenti ferroviari, garantiti da treni veloci, consentono di coprire la tratta Milano-Zurigo in circa 4 ore. La stazione centrale, Hauptbahnhof, sorge a due passi dalla via dello shopping e delle gioiellerie della Bahnhofstrasse ma anche dal centro storico, in cui ammirare la cattedrale di FrauMünster, con cinque vetrate realizzate da Marc Chagall, e una delle piazze più antiche con edifici dei secoli scorsi. Le viuzze tipiche, con pasticcerie e negozi di artigianato tipico, rendono l’atmosfera particolarmente romantica. In primavera e in estate si può approfittare di belle passeggiate lungo il fiume e sul lago, mentre in inverno sono imperdibili i caratteristici mercatini di Natale. In una giornata piovosa ci si può rinchiudere nei musei della città, come la Kunsthaus, scrigno di grandi opere di mostre itineranti e di collezioni permanenti dal XV secolo in poi. Lo Schweizerisches Landesmuseum ospita la collezione storico-culturale della Svizzera, dalla preistoria ai giorni nostri. 

Per una veduta sulla città inoltre, lontano dal trambusto cittadino, a due passi dallo zoo e dal cimitero in cui riposano James Joyce ed Elias Canetti, sorge l’hotel Zürichberg, un elegante albergo a 4 stelle del gruppo Sorell. L’edificio, completamente rinnovato agli inizi del 2000, ha conservato le facciate esterne e le scalinate interne in legno di una volta, quando era una rinomata casa di cura, ora tutelata dalla città, che ne garantisce lo status di patrimonio artistico.  Qualche suggerimento per gli eventi in agenda prossimamente? Il 18 maggio Zurigo si risveglierà tappezzata da 300 megavasi con piante, dipinti da artisti internazionali. Una grande terrazza urbana che resterà esposta fino al 19 settembre.

Info Utili Zurigo Turismo – Stampfenbachstasse 52 – CH- 8021 Zurigo
Tel: 0041 44 2154000 – Sito Web www.zurigoturismo.com

Zoo Zürich Zürichbergstrasse 221 – CH-8044 Zurigo, Svizzera
Tel: 0041 44 2542500 Siti Web http://www.zoo.ch/ – http://www.masoala.ch/ – Email: zoo@zoo.ch

Ristorante Terroir – dove tutto, ma proprio tutto, è di produzione svizzera
Rämistrasse 32 – CH-8001 Zurigo – Tel: 0041 44 2620444 Sito Web http://www.terroir.ch/

  Hotel Zürichberg – Orellistrasse 21 – CH-8044 Zurigo
Tel: 0041 44 2683535 – Sito Web http://www.zuerichberg.ch/ – Email: info@zuerichberg.ch

 Articoli correlati:
Svizzera in generale
Lucerna, un dolce pensiero sul Lago dei Quattro Cantoni
Leukerbad: terme, natura e armonia
Svizzera da scoprire
Crans Montana, voglia di avventura

0 Condivisioni

Lascia un messaggio