Cipro, una sorpresa nel mezzo del Mediterraneo

{gallery}/MySunSea/01CiproMSSgallery1:190:150{/gallery}
L’indipendenza fu raggiunta nel 1960, ma nel 1974 la parte nord fu occupata militarmente dalla Turchia che ne fece repubblica in seguito, nel 1983. Per la cronaca unica a riconoscerla è la stessa Turchia. In termini turistici, con il suo paesaggio essenzialmente montuoso che fa da contraltare al mare che la circonda, Cipro è una meta perfetta: evoluta dal punto di vista dei servizi e offre estate di mare ma anche di storia, divertimento, avventura con, sullo sfondo, scenari mozzafiato. Per secoli Cipro è stata influenzata da culture aliene, che hanno lasciato sull’isola una ricca e diversa eredità di reperti storici ed architettonici. Qui anche il cibo assume rilevanza sia per qualità (mediterranea) che per il prezzo contenuto, mentre l’evoluzione del turismo, purtroppo anche di massa, ha almeno fatto elevare la qualità dei servizi e la presenza di divertimenti di ogni tipo. Ultimamente l’isola si sta dotando di molti campi da golf per aprire un mercato ulteriore e dare sempre più l’immagine di una “potenza turistica”. La costa est tra Famagosta e Bogaz è un arenile lungo oltre 20 km, in contrasto con la costa nord o più esattamente da ambo le parti di Kyrenia dove si trovano solo piccole spiagge. Sui due lati della penisola di Karpaz, un’estensione di dune immacolate in mezzo a tamarindi e ulivi selvaggi, una scalata… in fuoristrada sarebbe l’ideale, per percorrere questi luoghi che proseguendo verso ovest ci accompagnano alla Baia di Guzelyurt, lunga spiaggia dorata accessibile ai più avventurosi.
{gallery}/MySunSea/01CiproMSSgallery2:190:150{/gallery}
La vegetazione risente del clima, con coltivazioni come quelle dell’olio e dei carrubi, ma non mancano alberi di cedro, limoni, aranci, pompelmi, oleandri, tamarindi e mandorli, incredibilmente banane, nella zona di Pafos, mentre 
sulle alture prevalgono i pini di Aleppo e i cipressi del mediterraneo. Ancora sulla costa sfilano boschetti di acacia e piante di eucalipto e in tutta l’isola la vegetazione permette una pastorizia estesa che assieme all’agricoltura forma il grosso dell’economia del paese, oltre naturalmente al turismo. La coltivazione dell’uva, nelle zone più interne e impervie, ha dato al mondo il più antico vino di cui si abbia notizia, il Commandaria, dal sapore dolce e marsalato. Un santuario di bellezze incontaminate è
 Girne (Kyrenia) antica cittadina ricca di fascino e di magia grazie al piccolo porto veneziano circondato da mura maestose e imponenti, alle sue moschee e chiese ortodosse.
Il vivace molo offre ai visitatori strutture alberghiere di livello, ristorantini caratteristici dove si può mangiare a poco prezzo gustosissimo pesce e bar e caffè in cui gustare il raki, aspettando il tramonto o, per i più infaticabili, attendendo l’alba. Il più alto castello bizantino a Bufavento fa il paio con l’abazia di Bella Pais, uno degli esemplari più interessanti di arte gotica dell’isola.
 Famagosta
 è nota per le fortificazioni, tra le più imponenti del mediterraneo, in quanto crocevia sulla rotta che dall’Europa porta al Medio Oriente.
{gallery}/MySunSea/01CiproMSSgallery3:190:150{/gallery}
Da visitare con attenzione la torre di Otello, (la tragedia shakesperiana è infatti quasi interamente ambientata a Cipro, nel periodo del dominio veneziano) la moschea di Lala Mustafa Pasha ed il palazzo veneziano. All’interno della città vecchia, s’incontrano negozietti dove è possibile acquistare oro di insolita foggia, pistacchi e bere raki accompagnato da dolci memorabili.

 Lefkosa (Nicosia)
, oggi divisa dalla cosidetta “linea verde” è la vecchia capitale, ricca di monumenti medioevali, meravigliosi esempi di architettura gotica ed ottomana. Le sue splendide mura, costruite dai veneziani nel 1567, accolgono il visitatore che entra nella città vecchia. Da non perdere la moschea di Selimiye, costruita nel periodo dei Lusignano, uno dei più begli esempi d’architettura gotica.
 Salamina, antica città che giace in una delle più lunghe e belle spiagge sabbiose di Cipro, fa rivivere al visitatore il vecchio splendore attraverso l’anfiteatro romano, il più grande di Cipro, o il ginnasio, i bagni, il mercato, insieme con le innumerevoli statue dello stesso periodo. 
Cipro Sud, o la Repubblica di Cipro, è la parte meridionale dell’isola, abitata prevalentemente da greco-ciprioti e nel 2004 è entrata nell’Unione Europea. Le città principali sono Pafos a ovest e, sulla costa meridionale dedicata al turismo, Larnaka e Lemesos (Limassol). La principale località balneare è Agia Napa, mentre gli abitanti di Cipro apprezzano anche la villeggiatura sui Monti Troodos, dove ripararsi dalle intese temperature estive, e in inverno anche fare qualche discesa sulla neve.
{gallery}/MySunSea/01CiproMSSgallery4:190:150{/gallery}
Pafos è la principale città dell’area occidentale, formata da due insediamenti, Kato Pafos (Pafos Inferiore) la parte turistica della città che ha il suo cuore nella via Posidonos, mentre Ktima è il vero centro di Pafos ed è riuscita ad evitare lo sviluppo edilizio sregolato del boom turistico. Il vecchio quartiere turco, Mouttalos, è invece fatiscente. Larnaka è situata nella parte sud orientale e ha diverse anime: il viale principale lungo il mare è fiancheggiato da palme e locali per turisti; il quartiere turco è un dedalo di viuzze tranquille tra case bianche e botteghe di ceramisti; le strade del vecchio mercato ospitano alcune delle attività più vecchie dell’isola. Larnaka ospita inoltre la più numerosa comunità straniera dell’isola, formata da cristiani libanesi fuggiti qui durante le guerre degli anni Ottanta. Lemesos situata sulla costa sud è una delle zone più ricche di testimonianze archeologiche, oltre a essere un importante centro turistico, molto apprezzato dagli stranieri per le sue spiagge e per il clima. La città è la seconda dell’isola per numero di abitanti e si sta preparando a realizzare una nuova grande marina per imbarcazioni da diporto. Infine Ayia Napa, la spiaggia, il centro dei bagordi notturni e del divertimento… ma questa scopritela da soli.

logo-defLa programmazione su Cipro è vasta, ma My Sun Sea, tour operator di Bologna ha una notevole esperienza e conoscenza del prodotto, assieme all’aeroporto di Rimini. My Sun Sea, propone otto cataloghi/destinazioni, di cui tre cartacei e cinque solo dosponibili on line, facilmente consultabili. Per raggiungere l’isola di Cipro l’operatore organizza per tutta l’estate voli charter a cadenza settimanale con partenza da Bergamo, Rimini, Napoli, mentre con voli di linea Turkish Airlines, le partenze sono giornaliere dalle principali città italiane. Inoltre l’aereoporto di Larnaca è servito anche da voli low cost, tra cui Ryanair (volo bisettimanale da Bologna). I pacchetti con voli charter che hanno una grande valenza qualità prezzo sono facilmente accessibili. La programmazione Cipro di My Sun Sea è essenzialmente basata su strutture nella parte turca, quella che con un terzo di territorio dell’isola vanta due terzi di linea costiera. Ma per i turisti il passaggio da una parte all’altra dell’isola non è un problema, anzi questa situazione massimizza la sicurezza. Nella pare greca vi sono le proposte di alcune realtà ricettive come il Crown Elamaris Aparthotel & Resort, il Cavo Maris Beach Hotel, l’Atlantica Aeneas Resort & Spa, l’Hotel Bella Napa Bay, tutti ad Ayia Napa con solo il Crown Resort Henipa a Larnaka, sul grazioso lungomare della città aeroportuale. Molte le escursioni possibili, da aggiungere ai pacchetti base, soprattutto sinergiche alla nuova iniziativa “Green Dream” appositamente realizzata da My Sun Sea per enfatizzare le mete “verdi” e per un turismo sostenibile e a basso impatto ambientale.

 

 

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio