Cape Canaveral, dove partono gli Shuttle

Una volta all’interno del poligono c’è da visitare il grande grattacielo della Vab dove viene assemblato lo Shuttle prima della partenza che poi verrà trasferito alla rampa di lancio con un gigantesco semovente cingolato che percorre i sei chilometri a velocità ridottissima. Una volta posizionata sulla rampa di lancio, la navetta spaziale viene riempita di carburante. Tutte queste fasi possono essere visionate da vicino con una guida che spiega nei dettagli le operazioni.

Nella base della Nasa è possibile entrare anche nella zona adibita ai visitatori, dotata di una mensa self service dove c’è di tutto. E al prezzo medio di 10 dollari si può consumare un discreto pasto. Non mancano poi gli store di gadget dove c’è la possibilità di acquistare gadget della missione spaziale in programma: magliette, portachiavi, tute spaziali per bambini e logo della missione. Ma la parte più emozionante è quella del lancio. Il pubblico lo può vedere da una rada distante circa sei chilometri dalla rampa. Un gigantesco orologio scandisce il conto alla rovescia mentre in lontananza giganteggia superbo lo Shuttle pronto alla partenza.

Poi i brividi ti avvolgono quando il count down arriva ai 10 secondi. 9- 8- 7-6-5-4-3-2-1 go! Si vede un lampo rosso, si ode un boato e poi la navetta si stacca lentamente dalla rampa e quando comincia a bucare il cielo, la terra sotto i piedi  trema come se si fosse dentro ad un terremoto del settimo-ottavo grado. Poi quella palla luminosa si allontana e in pochissimi minuti tutto è finito. Ma che gioia. E se c’è qualcuno coraggioso, a poca distanza dal poligono della Nasa, è possibile visitare lo Space Center: una sorta parco giochi dove con 50 dollari si possono provare le stesse sensazioni degli astronauti in un simulatore di volo.

 >> Vai alla Fotogallery

   Clicca qui per vedere la mappa su Google


Si ringrazia la Nasa per la gentile concessione delle foto

0 Condivisioni

Lascia un messaggio