Lapponia in primavera, due stagioni in una

{gallery}/Lapponia2/Fingallery1:190:150{/gallery}
Qui soprattutto si può familiarizzare col simbolo politico dei sami, la bandiera a quattro colori che sventola ovunque ed è oggi ambasciatrice della loro identità culturale. Da Inari c’è solo da scegliere. Sulla strada per Kyttilä (luogo di nascita dello scrittore Arto Paasilinna) è tutto un susseguirsi di laghi ghiacciati, come il Menesjärvi, dove poter praticare sci di fondo sulla crosta solida o pescare, ma solo dopo aver opportunamente forato il pack con l’apposita trivella da azionare a mano. Questa tuttavia è anche la terra delle renne e i cervidi, che siano selvatici o di allevamento, sono ovunque. Spesso dove è più rischioso, cioè a lato delle strade, zona in cui la neve fonde prima e si può sperare di brucare qualcosa. Non a caso qui la gente scherza dicendo che la Lapponia ospita più renne che umani, ma la verità non è certo distante. Sui laghi e sui sentieri innevati nei boschi si viaggia anche in potkukelkka, semplice slitta da spingere che i ragazzini utilizzano al posto della bici per spostarsi d’inverno.
{gallery}/Lapponia2/Fingallery2:190:150{/gallery}
Inari è anche una buona partenza per fare una puntata oltre frontiera in Norvegia e raggiungere l’Oceano Artico a Kirkenes. Questa città, pesantemente bombardata durante la Seconda guerra mondiale, in virtù dell’importanza del suo porto, non è un’attrazione in sé, ma lungo gli oltre trecento chilometri di strada necessari per raggiungerla si possono ancora di più apprezzare le vastità prepolari e osservare, oltre alle onnipresenti renne, anche come cambia la vegetazione man mano che ci sposta verso nord e come le conifere lascino progressivamente il posto ai licheni sulle rocce, in prossimità del mare. Tuttavia da provare, nel puro spirito wild adventure è l’albergo di ghiaccio Kirkenes Snowhotel, stagionale ovviamente e aperto al pubblico nel 2006. La strada per Kirkenes è praticamente deserta, puntellata qua e là da minuscoli villaggi di cui spesso si vede la segnalazione, ma non si avvistano le case. Lo spazio per distanziare le abitazioni del resto non manca.
{gallery}/Lapponia2/Fingallery3:190:150{/gallery}
Questi avamposti umani nella natura, come Sevettijärvi, circa a cento chilometri a nordest di Inari, ospitano spesso solo poche centinaia di persone, un caffè e, cosa importante, una pompa di benzina. Il motore è infatti essenziale per gli spostamenti e per il lavoro e in inverno, dove non si arriva su gomma, si viaggia a cavallo di una motoslitta, che qui possiedono praticamente tutti. Sevettijärvi in particolare è stata collegata al resto della Finlandia da una strada solo alla fine degli anni Sessanta. Le foreste lungo la strada ancora in territorio finlandese sono abitate anche da scoiattoli grigi, avvistabili perfino dall’auto nelle ultime settimane di gelo, oltre che da galli cedroni, alci, ghiottoni e linci, meno facili da osservare. Sempre vicino al Semejärvi, nel pieno del parco nazionale Lemmenjöki, il più vasto del Paese, si può fare una sosta all’atelier di Kaija Paltto, un’artista sami che confeziona oggetti artigianali e capi d’abbigliamento in lana e pelle di renna. Il marito Heikki è invece un’esperta guida che potrà portare chiunque a scoprire il parco in barca o lungo i sentieri dell’oro, ancora rintracciabile in piccole quantità quassù in Lapponia, soprattutto nei torrenti.
{gallery}/Lapponia2/Fingallery4:190:150{/gallery}
Spostandosi più a sud, in questa stagione il clima diventa persino – impercettibilmente – più dolce, ma la costante è quella delle giornate già molto lunghe, con il buio che arriva solo dopo le 22,00 fra aprile e l’inizio di maggio. Superata Ivalo, si scende verso Rovaniemi, costeggiando i rilievi del Pyhätunturi e del Luostotunturi, alture arrotondate di poco più di cinquecento metri che spiccano sulla pianura circostante con le loro sommità spoglie. Le numerose strutture presenti in questa zona, alcune dotate di tutti i comfort permettono anche di lanciarsi nelle attività locali come ciaspolare nei boschi, ma la fine dell’inverno è anche la stagione ideale per praticare la slitta con cani husky o renne. Le ultime nevi di primavera costeggiano la strada E75 fino all’aeroporto di Rovaniemi, a cavallo del Circolo polare artico (66°33’39” di latitudine nord), un luogo che dopo tante esperienze nel settentrione estremo può sembrare addirittura meridionale. Anche qui, dove fino a maggio si possono godere due stagioni in una con la primavera che confina ancora con l’inverno artico, alla fine tutto è relativo.
{gallery}/Lapponia2/Fingallery5:190:150{/gallery}

Dove alloggiare
Il lusso del silenzio e della pace delle distese infinite si trova presso l’Hotel Korpikartano, una struttura di legno con camere accoglienti. La gestione è nelle mani di Anne, che col marito Timo forma una coppia di espertissime guide per scoprire le bellezze dei dintorni in modo avventuroso e non. La struttura dispone anche di internet, di una sauna e di un ottimo ristorante dove la chef Marjo prepara specialità locali come le polpettine piirakka, con carne o salmone affumicato, il siika, pesce di lago con purè di patate e i biscotti kampanisu. Più a sud, un’esperienza particolare la offre l’Hotel & Igloo Village Kakslauttanen di Saariselkä, dove si possono provare gli igloo di vetro. Si tratta di strutture riscaldate, dalla volta interamente vetrata, attraverso cui osservare il cielo notturno e, in inverno, con un po’ di fortuna, le aurore boreali. Il tutto comodamente sdraiati nel proprio letto. Ancora più comfort si trova invece allo Scandic Luosto, nel complesso vacanze di Luosto, un’ora di strada a nord di Rovaniemi. Essenzialmente un resort sciistico ai piedi del Luostotunturi, ma per gli amanti dell’avventura sono numerose le attività da svolgere fra i boschi o sui laghi ghiacciati: dalle tranquille ciaspolate alla più adrenalinica motoslitta. Ottime guide si trovano presso il centro Snow Games.

Tour operator consigliato
Nuna Travel, con sede a Chivasso, in provincia di Torino, organizza viaggi altamente personalizzati con particolare esperienza nelle destinazioni artiche. Il tour operator progetta viaggi su misura in ogni periodo dell’anno in Finlandia, Scandinavia, Islanda, Groenlandia, Canada, Alaska ed estremo artico.

01_medium60 Lapponia a tutta Santa 

In collaborazione con www.fisitfinland.com 

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
 Il paradiso dell’outdoor
 Info utili sulla Finlandia


 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio