Turchia antica e spirituale

{gallery}/Eteria/06gallery1:190:150{/gallery}
Nota nell’antichità come la Roma d’Oriente, voluta dall’imperatore Costantino nel IV Secolo, crebbe fino a diventare la vera capitale dell’impero romano e poi la favolosa madre politica e culturale del mondo bizantino. Come il resto della Turchia, si arrese alla pressione ottomana nel XV Secolo e passò da allora a far parte del mondo islamico, anche se la nazione attuale, dall’epoca di Kemal Ataturk, si considera per costituzione Stato laico. E poi ancora Efeso, con la Basilica dell’apostolo Giovanni e la Casa della Madonna, Tarso, la città natale di San Paolo, Pamukkale, nota anche per le sorgenti termali, Antiochia, Pergamo, Iconio, centro della predicazione paolina. O regioni come la Cappadocia, con le sue chiese rupestri e anche la vicina isola greca di Patmos. Con una popolazione di circa venti milioni di abitanti, Istanbul, sul Bosforo, unisce il Mar Nero e il Mar di Marmara, oltre a segnare di fatto il confine tra Europa e Asia.
{gallery}/Eteria/06gallery2:190:150{/gallery}
Oggi centro turistico di eccellenza, molto aperto agli influssi occidentali, pur conservando intatta la tradizione locale, offre spettacoli insoliti come le sirene delle navi mescolate al canto antico del muezzin che chiama i fedeli alla preghiera. L’architettura riflette tutta questa mescolanza, per cui il simbolo della città, la Moschea Blu (moschea del Sultano Ahmet), si trova proprio di fronte alla Basilica di Santa Sofia, la più grande del mondo fino alla costruzione di San Pietro a Roma, ornata di splendidi mosaici raffiguranti Cristo, la Vergine e gli Imperatori Giustiniano e Costantino. Antiochia è stato il primo luogo in cui San Paolo s’impegno insieme a Barnaba, nella predicazione del Vangelo e anche il primo luogo in cui gli apostoli furono chiamato “cristiani”. Da questo porto San Paolo s’imbarcò più volte per i suoi viaggi apostolici. Qui San Giovanni si fermò con la Vergine Maria quando gli apostoli dovettero lasciare Gerusalemme. Alla morte di San Paolo, San Giovanni divenne capo della Chiesa di Efeso e fece opera di propaganda della fede in tutta la regione. Sulla sua tomba fu eretta la basilica che porta il suo nome e oltre ad essa si possono visitare anche la Biblioteca del Celso, il Teatro, l’Odeon, il Tempio di Adriano e, nelle vicinanze, il Santuario di Meryemana.
{gallery}/Eteria/06gallery3:190:150{/gallery}
Si diceva, un tour ideale mosta anche le bellezze delle regioni. Ecco allora che la Cappadocia rappresenta lo scenario ideale per perdersi fra natura e storia antica. Su questo altopiano di origine vulcanica l’ erosione ha prodotto strutture sorprendenti, come i famosi camini delle fate, rocce scavate in forma di piramide, dirupi, e accessi per abitazioni rupestri, chiese, monasteri e città sotterranee. In questo centro di spiritualità monastica, si può visitare la Valle di Göreme con le chiese scavate nel tufo, Zelve e Uçhisar con le abitazioni troglodite. Attraversato un breve braccio di mare si approda poi a Patmos, dove fu esiliato San Giovanni Apostolo che qui scrisse l’Apocalisse. D’obbligo naturalmente la visita al monastero a lui dedicato, una costruzione tanto imponente da sembrare una fortezza, ricca di affreschi, con biblioteca, cappelle, refettorio, un suggestivo cortile interno. La grotta di San Giovanni il Teologo (com’è anche noto) traspira di sacralità ed altri monasteri, con chiese e circa 150 cappelle che conferiscono all’isola un’aria mistica e spirituale.

Eteria_logo_2Per chi vuole abbinare anche un po’ di sano relax, Eteria Viaggi propone anche soggiorni in due hotel di proprietà. Uno è l’Hotel Tassaray nel cuore della Cappadocia, dove si possono organizzare escursioni a piedi o in bicicletta. Il secondo è l’Hotel Vera Santa Maria a Kusadasi, vicino al mare, al sito archeologico di Efeso e alle città di Pamukkale e Mileto. In una terra così vasta, ci sono poi infinite possibilità di itinerari e percorsi, ai quali si può abbinare all’assistenza turistica delle nostre guide anche quella spirituale. È inoltre possibile prevedere incontri con le comunità locali, quali ad esempio i Frati Cappuccini presso il Santuario di Meryemana, dove si ritiene che la Vergine Maria abbia vissuto fino alla sua morte. Lo staff di Eteria Viaggi è sempre pronto a offrire la propria assistenza nell’organizzazione di tour personalizzati, e a consigliare le soluzioni ottimali per il buon esito del viaggio.

mondo Articoli correlati
La Cappadocia in mongolfiera
Istanbul, donne e giovani per una rivoluzione silenziosa
 

 

0 Condivisioni

Lascia un messaggio