AlUla, esperienze e turismo lento in Arabia Saudita

Lungo la via dell’incenso, un’oasi ha incantato per secoli pellegrini, mercanti e viandanti di ogni luogo e oggi strega con le sue mille sfaccettature i visitatori. AlUla è un insieme unico di storia, archeologia, natura, arte, cultura, sport ed esperienze adrenaliniche, dalla zip line alla corsa con i cammelli.

Nella città della Arabia Saudita si passa tranquillamente ad ammirare le tracce dei popoli di millenni fa al futuro, fatto di eco sostenibilità, rispetto per l’ambiente e turismo lento.

Dalle nuove costruzioni di hotel e resort alla tutela del leopardo arabo, AlUla punta tutto sulle tematiche green e sull’offrire al visitatore un soggiorno rilassante, legato al benessere psicofisico oltre che a riempirsi la mente e il cuore della ricchezza archeologica e della
meraviglia del deserto.

Una delle novità più importanti per AlUla è quella di scoprire il territorio in bici. Pedalare è una delle attività sportive perfette per un turismo lento, dove si visita e si ammira con calma, seguendo i propri tempi. Per questo sono presenti molti percorsi adatti con strutture ricettive e programmi ad hoc: ad esempio un itinerario circolare di ben 90 chilometri che attraversa strepitosi panorami naturali.

Sono previsti diversi pacchetti per scoprire AlUla in bici, alcuni dei quali estremamente allettanti per chi è appassionato a questo sport: ad esempio, si può partecipare ad allenamenti
di professionisti, seguiti dai medici e personal trainer dei campioni, oltre alla possibilità
di assistere alle gare e alle competizioni internazionali.

Le esperienze da fare ad AlUla sono davvero innumerevoli e per tutti i gusti: ammirare lo straordinario panorama di rocce d’arenaria rossa dall’alto di una mongolfiera, fare zip line attraverso il deserto e i canyon sabbiosi, scoprire gli antichi graffiti rupestri con il trekking, lasciarsi suggestione dal cielo stellato.

Senza dimenticare la storia: abitata sin da 200 mila anni fa, AlUla è stata capitale di due regni
e si trovano iscrizioni in latino, greco e nella lingua dei Nabatei. Essendo sulla via dell’incenso, ha visto nei secoli arrivare e partire mercanti di tutti i popoli.

Oggi è concentrata molto sull’arte e la cultura, ogni spazio diventa occasione per un’esposizione, i festival si susseguono uno dietro l’altro durante tutto l’anno. Ogni luogo di AlUla sembra perfetto per ispirare artisti e non: le rocce rosse scolpite dal vento, le palme verdi, il cielo azzurro, il deserto dorato.

Dagli artisti contemporanei che creano installazioni su larga scala agli abitanti del posto che studiano artigianato tradizionale da cui imparare in laboratori speciali, allo spirito delle arti
che vive in ogni angolo di questa valle. Ad esempio l’AlUla Artist Residency invita artisti da tutto il mondo a immergersi nello straordinario paesaggio e nel patrimonio storico, mentre l’annuale AlUla Arts Festival mette in mostra grande creatività attraverso una miriade di mezzi.

Grandi eventi sportivi e artistici, anche se la ricchezza della natura rende AlUla una destinazione incantevole. Un vero e proprio museo a cielo aperto con i labirinti di roccia e le dune di sabbia, una valle punteggiata di agrumi e palme, i flussi lavici antichissimi e gli abitanti tipici: struzzi, antilopi, cammelli (che si può anche provare a cavalcare). Poi, è in atto un progetto di ripopolazione del leopardo arabo che ha già portato a straordinari successi come la nascita di cuccioli. Un punto essenziale nel rispetto della natura e nell’ecosostenibilità così presente
ad AlUla.

Info:
www.experiencealula.com/it/
Foto Experience AlUla concesse gentilmente dall’ufficio stampa della destinazione a corredo dell’articolo

Articoli correlati:
https://www.latitudinex.com/avventura/petra-meraviglia-direttamente-dallantichita.html
https://www.latitudinex.com/pensieri-in-viaggio/giordania-viaggio-nella-storia.html

0 Condivisioni

Lascia un messaggio