Dusseldorf, la giapponese

{gallery}/dusseldorfjapan/dusseldorfjapangallery1:190:150{/gallery}
Ovviamente ci sono molti negozi tipici: Immemann Strasse in centro, ad esempio, sembra di essere una via di Tokyo o Kyoto per i numerosi ristoranti, hotel, banche, librerie, boutique, alimentari e quant’altro solo Japan. Si vedono passare quasi esclusivamente uomini di affari e signore alle prese con lo shopping, tutti con gli occhi a mandorla. Hanno adottato Düsserldorf come la loro casa e per la Giornata Giapponese mettono in scena le loro nobili e antiche tradizioni e arti. Una festa che richiama ogni anno ben settemila persone tra le strade della vecchia città e la banchina sul fiume. Qui sono in programma dimostrazioni di Samurai con le loro armi, dell’ikebana con i suoi delicati fiori, di arti marziali, di balletti in kimono e ombrellini di carta, di strumenti come il koto. Non solo, però, il millenario passato, ma anche le novità che arrivano dal Giappone sotto forma di musica pop e rock e di manga. Gli spettatori possono anche cimentarsi in molte attività, provare la vestizione del kimono o la cerimonia del tè, o creare  una composizione floreale. Ma soprattutto possono assaggiare il sapore dell’Oriente con bancarelle e ristoranti che propongono litri di sake e tonnellate di sushi, sashimi e tempura, oltre ad altre sofisticate specialità gastronomiche. E per chiudere i festeggiamenti prima una danza dove il pubblico è invitato a partecipare e a cui vengono offerti i famosi ventagli orientali, e dopo uno strepitoso spettacolo pirotecnico in riva al Reno. Sono proprio questi fuochi d’artificio, unici e memorabili, che arrivano direttamente dal Giappone, inseriti in una scenografia tipicamente tedesca, a richiamare folle di visitatori e a sigillare il perfetto “Japan Day”.
{gallery}/dusseldorfjapan/dusseldorfjapangallery2:190:150{/gallery}
Düsseldorf è una città versatile e molto vivace e oltre a festeggiare i suoi moderni samurai germanici si apre ancora di più all’Oriente. Stavolta la protagonista è la Cina, con un festival che si tiene il 5 settembre: una grande pagoda rossa viene eretta nella Marktplaz e qui si tengono dimostrazioni dell’arte della calligrafia, della medicina e ovviamente della cucina tradizionale. Il programma degli show comprende musica, danza, canto e acrobazie, mentre si promuove la Cina come destinazione di viaggio e l’artigianato locale.  In questo modo, Düsseldorf si propone come una città da visitare per le mille occasioni che offre. Tra architettura moderna e monumenti storici, cura quasi in maniera maniacale l’aspetto culturale. Da anni, il capoluogo della Renania Settentrionale-Vestfalia è ai vertici della classifica mondiale delle città con migliore qualità di vita ed è una delle mete tedesche più amate dai visitatori. Anche perchè qui c’è davvero tanto da scoprire. 
{gallery}/dusseldorfjapan/dusseldorfjapangallery3:190:150{/gallery}
L’Alstadt, il centro storico, con i suoi innumerevoli locali di ogni genere, lo shopping con un’offerta unica al mondo in qualità e quantità, come nella rinomata Königsallee e nei nuovi centri commerciali dall’architettura futuristica, la birra Altbier, scura e tipica di qui, il quartiere del porto, MedienHafen, con i suoi famosi edifici, il Castello di Benrath. Da non dimenticare i numerosi musei e gallerie d’arte. Ad esempio, a dal 13 giugno al 27 settembre 2015 la Kunstsammlung NRX presenta la mostra “Mirò – Pittura come poesia”, mentre il Museum Kunstpalast si dedica alle fotografie del regista Wim Wenders, figlio di Düsserldorf, e a una retrospettiva del pittore barocco Francisco de Zurbarán. Non mancano poi in città gli appuntamenti musicali e sportivi, ma anche dedicate ai più piccoli con il grande luna park sul Reno. Una metropoli estemamente eclettica e vivace, che però incuriosisce soprattutto per i suoi rapporti con il Sol Levante e per la Giornata Giapponese, unica in Europa.
{gallery}/dusseldorfjapan/dusseldorfjapangallery4:190:150{/gallery}

compass1ok Clicca qui per vedere la mappa su Google

mondo Articoli correlati
Romantica e natalizia Dusseldorf
Lipsia, la millenaria tra storia e musica
La Germania di Martin Lutero

Foto e info www.duesseldorf-tourismus.de
 
Info www.germany.travel

 

Leave a Reply