Lago di Ohrid, un tuffo nella natura della Macedonia

Il tramonto tinge il lago di una luce dorata, calda e seducente, virando verso l’arancione, mentre il sole scende
oltre le montagne, e poi sul rosa, quando il crepuscolo accende le prime illuminazioni di Ohrid. Durante il
giorno, con il sole di ottobre che scalda le temperature e rende il paesaggio da cartolina, le acque sono
di un azzurro accecante, qua e là interrotto dal verde della vegetazione, dal bianco delle ali dei gabbiani
che volano in gruppo e dalle foglie d’autunno che volgono al giallo.

La natura è stata generosa al lago di Ohird, nel sud della Repubblica di Macedonia. Incuneato tra i monti, con l’Albania al di là della sponda, è un luogo molto suggestivo, soprattutto con il bel tempo e i colori dell’autunno.
Se si arriva dall’alto, dalla strada che attraversa il Parco Nazionale Galicica la magia è completa.

Il Parco, che comprende il picco Magaro con 2275 metri d’altezza e separa i due laghi, Ohrid e Prespa, offre vedute panoramiche mozzafiato ed è un paradiso per gli amanti della natura: è possibile osservare molta flora tipica, dai funghi ai frutti di bosco, e tantissimi animali che vivono in questo ambiente incontaminato, come gli orsi, i falchi, le aquile e parecchi tipi di farfalle. Il lago Prespa, poi, offre un’isola abitata interamente dai pellicani, mentre sulle sponde non mancano aironi e cormorani.

Il parco è anche il regno degli sportivi, che si possono dedicare a innumerevoli attività, dal trekking alla bicicletta, passando per il parapendio, climbing, speleologia con le grotte, i safari a dorso di mulo o di cavallo o a bordo di jeep. Le avventure possono continuare sul lago, con le regate veliche, le immersioni, la canoa e persino il nuoto: ogni anno si tiene una maratona internazionale di 30 km, ma anche per i meno sportivi l’acqua trasparente è invitante e alcune spiaggette lungo il perimetro permettono in estate di tuffarsi nella natura.

Non a caso Ohrid è il luogo più amato dai macedoni, molti dei quali hanno le seconde case per le vacanze in zona, e sta diventando un polo d’attrazione per i visitatori stranieri che stanno scoprendo la bellezza di questo angolo dei Balcani, spesso poco conosciuto.

L’acqua del lago è talmente limpida e abitata da innumerevoli pesci che si vedono ad occhio nudo che sembra di
essere in Polinesia. Almeno è questo l’effetto che fa affacciarsi dal pontile della Baia delle ossa, Bay of Bones.
E’ un angolo curioso e famoso per fare le immersioni, e infatti fu proprio grazie ad un sub che venne recuperato un inestimabile tesoro di reperti archeologici, tra cui molte ossa, quelle che oggi danno il nome alla baia.

Il lago di Ohrid, che è il più antico d’Europa, era già abitato in epoca preistorica e alla profondità di cinque metri fu individuato un villaggio dell’era del ferro, con le fondamenta di venti case di legno e moltissimi pioli, vasi, contenitori, armi, pietre e spoglie di animali. Il piccolo borgo antico è stato perfettamente ricostruito, in ogni dettaglio, in un piacevole museo a cielo aperto che sembra emergere dal blu intenso dell’acqua, mentre i pesci sguazzano intorno alle palafitte.

Un altro angolo del lago ricco di suggestione, in un mix di natura, storia, religione e cultura, è il Monastero di St Naum, che appartiene al parco di Galicica. Qui si può prendere una delle tante barche a remi e andare alla scoperta delle sorgenti di St Naum del fiume Drim che sbuca nel lago per poi proseguire la sua corsa verso l’Albania, che è a pochi chilometri, e il mare Adriatico.

La pace invade questo tragitto, mentre la barca silenziosamente avanza nell’acqua cristallina, priva
di pesci in quanto è gelida, mostrando le alghe di un verde quasi accecante, i riflessi della vegetazione tinta dall’autunno, i germani reali e gli anatroccoli che sembrano guardare dall’alto al basso gli intrusi umani, le bolle di acqua più calda che salgono fino alla superficie o ribollono vicino alla riva.

Un’atmosfera mistica che ben si adatta alla zona: poco più in là, attraversato un ponte in legno sul fiume e il ristorante Ostrovo sulle palafitte, si trova il complesso monastico ortodosso forse più famoso della Macedonia. St Naum è stato costruito su una scogliera, a picco sul lago, e coniuga bellezza e sacralità.

Naum fu un allievo dei Santi Cirillo e Metodio, fu insegnante lui stesso e nel 900 volle costruire una cappella in onore degli arcangeli Michele e Gabriele. La chiesa fu più volte distrutta e riedificata, quella di oggi risale ai secoli XVI e XVII, dell’epoca del Santo rimangono alcune iscrizioni in cirillico e la cripta, dove i fedeli vanno a onorare le tombe dei monaci antichi e, secondo la leggenda, possono ancora sentire il battito cardiaco del Santo Naum sepolto. All’interno una preziosa iconostasi del Settecento riluce d’oro.

Oggi il luogo è abitato da un solo monaco, circondato da ben 15 pavoni. Sono loro, con i colori splendenti, ad accogliere i visitatori sui prati del cortile del monastero e sembrano accompagnarli nella spiritualità: questi animali sono sempre stati simbolo per i cristiani di risurrezione, vita eterna e immortalità. La loro bellezza sembra rivaleggiare con quella che circonda questo angolo del lago di Ohrid, dotato di una natura suggestiva e forse un tantino contemplativa e ascetica che raggiunge il culmine nell’ora d’oro del tramonto.

Dove dormire: Park Lakeside Hotel, Naum Ohriski br 10-A, 6000 Ohrid, Macedonia, www.parklakesidehotel.com. Proprio
sulla riva del lago, di fronte alla città di Ohrid, l’hotel dispone di appartamenti molto spaziosi, con
angolo cucina e terrazzi, colazione abbondante, wi-fi, parcheggio, spiaggia privata con lettini e molo.

Come arrivare: il lago Ohrid dista tre ore d’auto da Skopje. Nell’aeroporto della capitale, Alessandro Magno,
gestito dalla società internazionale TAV Airoports Holding, atterrano compagnie low cost provenienti dall’Italia,
come Wizz Air che vola da Roma Ciampino e Bergamo Orio al Serio. Anche Ohrid ha un piccolo aeroporto, ma al momento non è collegato con voli diretti dall’Italia.

Info: www.ohrid.gov.mk, www.exploringmacedonia.com

In collaborazione con TAV Airports Holding, www.tavairports.com, e Fibula Air Travel Ohrid, www.fibula.com.mk

Lascia un messaggio